Udito a rischio con abuso di aspirina, antinfiammatori e analgesici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Attenzione all’abuso di alcuni farmaci, possono mettere a rischio il vostro udito. L’uso eccessivo di aspirina, antinfiammatori e analgesici può danneggiare l’udito. Quando sentiamo parlare di effetti collaterali dei farmaci abbiamo il diritto di informarci di più.

Ecco allora che una ricerca condotta presso il Women’s Hospital di Boston e pubblicata sulla rivista scientifica American Journal of Epidemiology ora fa il punto della situazione.

L’uso prolungato di farmaci antidolorifici come l’ibuprofene o di farmaci a base di paracetamolo come la tachipirina può portare all’abbassamento dell’udito, soprattutto nelle donne, se questi medicinali vengono assunti per molto tempo.

I ricercatori hanno studiato i dati relativi a 54 mila donne di età compresa tra i 48 e i 73 anni all’interno del Nurses’Health Study, Il 5,5% dei casi di perdita dell’udito individuati dagli esperti durante l’esame dei dati è riconducibile all’uso di alcuni farmaci come antidolorifici e antinfiammatori.

Leggi anche: MUSICA TROPPO ALTRA IN CUFFIA: L’UDITO DEI GIOVANI A RISCHIO

Già in precedenza, nel 2010, i ricercatori di Boston si erano occupati di questo argomento. Non è dunque la prima volta che il rischio di abbassamento dell’udito viene associato ad alcuni farmaci, con problemi che riguardano sia gli uomini che le donne.

Dunque sarebbe presente un legame tra l’uso eccessivo di farmaci come aspirina, tachipirina e ibuprofene e un vero e proprio abbassamento dell’udito, con il rischio di perderlo completamente in alcuni casi.

Leggi anche: PROTEGGIAMO L’UDITO DEI NOSTRI BAMBINI, WORLD HEARING DAY

Ecco un motivo in più per fare attenzione a come decidiamo di curarci e di assumere farmaci. Bisogna sempre fare attenzione ai modi e ai tempi di dosaggio, evitare il più possibile il fai-da-te e seguire i consigli del medico.

Leggi anche: ZENZERO MIGLIORE DEI MEDICINALI COME ANTIDOLORIFICO

Quando è possibile, per evitare gravi effetti collaterali, sempre seguendo le raccomandazioni degli esperti si può provare ad optare per i rimedi naturali così da evitare di assumere certi farmaci in eccesso e troppo a lungo.

Marta Albè

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook