Troppo tempo davanti alla TV? Rischio di embolia polmonare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Embolia polmonare. Il rischio aumenta se si sta tanto, troppo tempo seduti davanti alla TV. A lanciare l’allarme è stato un nuovo studio giapponese, reso noto ieri durante il congresso della Società europea di cardiologia (Esc), in corso a Londra.

L’embolia polmonare è provocata da un’ostruzione delle arterie polmonari a causa di coaguli di sangue che di solito si formano nei vasi delle gambe. E la vita sedentaria è un fattore di rischio da non sottovalutare. In particolar modo, è stata la TV ad essere messa sul banco degli imputati considerando che chi la guarda passa ore in posizione distesa o seduta.

Lo studio, portato avanti da Toru Shirakawa del dipartimento di Medicina Sociale dell’università di Osaka, ha considerato un elevato numero di persone e ha cercato di mostrare la relazione tra il prolungato uso della TV e il rischio di mortalità per embolia polmonare tra gli uomini e le donne giapponesi di mezza età.

In totale i partecipanti sono stati 86.024 di cui 36.007 uomini e 50.017 donne, di età compresa tra 40 e 79 anni. Essi hanno completato un questionario in cui hanno fornito informazioni sul tempo trascorso a guardare la TV ogni giorno tra il 1988 e il 1990. Inoltre, il loro stato di salute è stato seguito per una durata media di 18,4 anni.

Dai risultati è emerso che trascorrere 5 ore (o più) al giorno davanti alla televisione comporta il raddoppio del rischio di embolia polmonare fatale rispetto a chi invece si piazza davanti al piccolo schermo per meno di 2 ore e mezzo al giorno.

I ricercatori hanno tenuto conto anche di altri indicatori come età, sesso, eventuale ipertensione, diabete mellito, fumo, alcol, indice di massa corporea e sport.

I consiglii sono sempre gli stessi: buon senso e moderazione. E sicuramente qualche minuto al giorno dedicato a fare una passeggiata all’aria aperta.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

STATE SEMPRE SEDUTI? CAMMINARE 2 MINUTI OGNI ORA ALLUNGA LA VITA

CAMMINARE: 10 MOTIVI PER FARLO ALMENO 30 MINUTI AL GIORNO

ATTIVITÀ FISICA: COME SALVARE MEZZO MILIONE DI PERSONE OGNI ANNO IN EUROPA

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook