Tumori: scoperto il codice di autodistruzione delle cellule. L’arma naturale per curare il cancro?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nuovi studi hanno scoperto un “codice di autodistruzione” delle cellule, grazie al quale quelle tumorali si annientano da sole, facendo sperare in un futuro senza più chemioterapie

Un codice che si attiva quando le cellule dell’organismo si trasformano a causa di un tumore, una sorta di “regolamento di uccisione” incorporato in ogni cellula capace di estinguere il cancro. Questo potrebbe portare un giorno a non ricorrere più alla chemioterapia, evitando così i suoi effetti collaterali.

È quanto emerge da uno studio della Northwestern University, che ha scovato quel codice di autodistruzione incorporato in ogni cellula del corpo e la cui funzione potrebbe essere quella di provocare la disintegrazione delle cellule che diventano cancerose.

Non appena le “guardie del corpo” interne della cellula percepiscono che si sta trasformando in cancro, inseriscono il codice di uccisione per estinguere la cellula mutante. Una sorta di spy story che però questa volta potrebbe all’utilizzo concreto di vere “armi anti-cancro” naturali.

Quello messo in luce dagli studiosi americani è un codice incorporato in grandi acidi ribonucleici codificanti proteine (RNA) e in piccoli RNA, detti microRNA, che gli scienziati stimano evoluto più di 800 milioni di anni fa in parte per proteggere il corpo proprio dal cancro. Anche le molecole di RNA tossiche sono innescate dalla chemioterapia, riferiscono gli scienziati del Northwestern.

Il cancro non può adattarsi o diventare resistente agli RNA tossici, mettendo così in campo un trattamento potenzialmente antiproiettile se il codice di uccisione può essere sinteticamente duplicato. Le cellule tumorali, in pratica, sono incapaci di sviluppare resistenza alle molecole.

Ora che conosciamo il codice di uccisione, possiamo attivare il meccanismo senza dover ricorrere alla chemioterapia e senza interferire con il genoma. Possiamo utilizzare questi piccoli RNA direttamente, introdurli nelle cellule e attivare il kill switch”, ha affermato l’autore principale Marcus E. Peter.

La chemioterapia ha numerosi effetti collaterali, alcuni dei quali causano tumori secondari, perché attacca e altera il genoma. “Abbiamo trovato armi che si trovano a valle della chemioterapia”, osservano gli studiosi.

Il prossimo passo?

“Ora l’obiettivo è quello di seguire il corso della natura, utilizzando un meccanismo che la natura stessa ha sviluppato senza trovare una nuova sostanza artificiale e tossica in grado di andare a curare il tumore”

Sperano i ricercatori che tutto questo possa essere trasformato presto in una nuova forma di terapia e porre una valida alternativa ai devastanti effetti delle chemio. Serviranno ulteriori ricerche per rendere tutto più chiaro ed efficcace, ma la strada sembra proprio essere quella giusta.

Leggi anche

Germana Carillo

Trovato il codice di autodistruzione delle cellule tumorali, il nuovo studio

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook