Tumore al polmone: basta analisi del sangue per sapere se c’e’ prima che si sviluppi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tumori e diagnosi precoce: un test del sangue consentirà di sapere se c’è un tumore al polmone e di aumentare le possibilità di guarigione. Un’analisi specifica, infatti, il cosiddetto test dei microRna, sarà in grado di leggere la “firma molecolare” del cancro prima che si manifesti.

L’Istituto europeo di oncologia di Milano ha così messo a punto un vero e proprio strumento di diagnosi ultraprecoce che, una volta perfezionato (al momento il test ha un’accuratezza pari all’80%), diventerà il mezzo per uno screening semplice e, soprattuto, economico, sulle persone più a rischio.

Cosa sono i microRna? Si tratta di molecole espulse dalle cellule e ne sono circa 200 diversi, ma i ricercatori hanno scoperto che 13 di questi, se alterati, indicano il rischio di avere un tumore, per cui sono stati sperimentati come marcatori tumorali.

I TEST – Condotti su 1115 forti fumatori o ex fumatori, a rischio ma sani (tra i quali erano state distribuite a caso 48 persone con tumore). Al termine della ricerca, la “firma” del tumore è stata trovata solo nei 48 soggetti malati. Una scoperta, pubblicata sul Journal of the National Cancer Institute, che ha tutti lati positivi: oltre che molto meno costoso di una Tac spirale, il nuovo esame (“mir-Test“) è anche meno invasivo e facile da eseguire tanto che, al contrario della Tac, potrebbe essere utilizzato come screening di massa tra i forti fumatori per avere una diagnosi precoce del tumore polmonare.

In pratica, “se oggi ci vogliono 10mila esami Tac per diagnosticare 100 tumori – spiega Fabrizio Bianchi, responsabile del Laboratorio di Genomica e Bioinformatica dell’Ieo – domani, facendo prima il mir-Test, basteranno 3108 Tac (sulle persone positive al mir-Test) per avere lo stesso numero di diagnosi precoci“. “Abbiamo dimostrato – dice Pier Paolo Di Fiore, Direttore della Medicina Molecolare dell’Ieo – che il mir-Test è dirimente: se positivo, se cioè è presente la ‘firma’, il fumatore deve sottoporsi alla Tac spirale; se invece è negativo, non deve fare altri accertamenti fino al prelievo successivo“.

Un grosso passo avanti verso il risparmio di tempo e di denaro, quindi. E non solo: il test verrà anche sperimentato per altri tipi di tumore e, gli esperti giurano, potrà servire anche a leggere il profilo genetico di un individuo e valutare la propria personale risposta ai farmaci o a un percorso chemioterapico.

La scienza e la ricerca procedono insomma, ma ricordatevi sempre che la via della prevenzione passa sempre prima di tutto dalla nostra tavola e dai nostri stili di vita. Ecco qui 8 regole che dovreste seguire se non volete ammalarvi di cancro (o quanto meno ridurre il rischio!).

Germana Carillo

LEGGI anche:

Tumori: ecco le 10 regole d’oro per restare in salute mangiando

Tumori: ecco la tabella degli alimenti anti-cancro

Tumori: 27 alimenti per la prevenzione del cancro

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook