©HBRH/Shutterstock

È il momento di rafforzare le tue difese immunitarie in vista dell’autunno con questi trucchi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’autunno è ormai alle porte ed ecco che arrivano puntuali influenza e raffreddore. Come rafforzare il nostro organismo in vista delle temperature più rigide? Fortunatamente esistono alcune buone abitudini che possiamo mettere in pratica lungo tutto il corso dell’anno ed alcuni alimenti e rimedi naturali che possono aiutarci a rafforzare le difese immunitarie.

Qui di seguito vi proponiamo alcuni cibo alleati del sistema immunitario e qualche consiglio prezioso che ci ricorda come un’alimentazione sana e una regolare attività fisica siano fondamentali per proteggere l’organismo dalle malattie.

Leggi anche: Le peggiori abitudini alimentari che indeboliscono il sistema immunitario secondo la scienza

Aglio

L’aglio è un alimento considerato in grado di rafforzare le difese immunitarie stimolando la moltiplicazione delle cellule che si occupano di combattere le infezioni. Tali caratteristiche sono attribuite all’aglio per via del suo contenuto di allicina e di solfuro. L’aglio sarebbe inoltre in grado di aiutare l’organismo ad espellere tossine e cellule cancerogene, oltre che di proteggere il cuore prevenendo la formazione di placche nelle arterie.

Ginseng

Secondo la Harvard Medical School, al momento non è chiaro dal punto di vista scientifico il funzionamento della radice di ginseng nel rafforzamento delle difese immunitarie. Si tratta di un aspetto che dovrà essere ancora approfondito dal punto di vista degli studi scientifici, attraverso ricerche più ampie da svolgere in proposito, rispetto a quanto al momento disponibile. La Harvard Medical School lo inserisce comunque tra i rimedi per rafforzare il sistema immunitario che attualmente destano l’interesse del mondo scientifico. Il ginseng viene annoverato da parte della medicina naturale tra i rimedi da utilizzare per stimolare il sistema immunitario in presenza di un abbassamento delle difese da parte dell’organismo.

LEGGI anche: Ginseng: mille proprietà, usi e dove trovarlo

Agrumi

Non è probabilmente casuale che gli agrumi possano essere portati in tavola proprio durante la stagione invernale. Il loro contenuto di vitamina C aiuta il sistema immunitario a proteggerci dalle malattie oltre a rafforzare l’organismo, favorendo l’assorbimento del ferro contenuto negli alimenti vegetali. Consumare frutta e verdura di diverso tipo ed in modo vario permette all’organismo di assicurarsi tutte le vitamine necessarie per il buon funzionamento del sistema immunitario, con particolare riferimento a vitamina A e vitamina E.

Echinacea

L’assunzione di Echinacea viene solitamente consigliata in fitoterapia al fine di prevenire le tipiche malattie da raffreddamento dei mesi invernali. L’echinacea può essere acquistata sotto forma di estratto erboristico racchiuso in capsule o di estratto secco da utilizzare per la preparazione di tisane. Gli estratti di echinacea sono considerati utili per favorire le naturali difese immunitarie dell’organismo. Essa è in grado di agire aumentando la capacità dei globuli bianchi di distruggere batteri e virus, per via della propria azione immunostimolante.

Leggi anche: Echinacea: più efficace dei farmaci per sconfiggere l’influenza

Carote

Le carote, e tutti gli alimenti vegetali ricchi di betacarotene, di colore arancione o rosso, contribuiscono a rafforzare le nostre difese immunitarie. Il betacarotene infatti aiuta ad accrescere il numero delle cellule in grado di combattere le infezioni, supporta l’azione dei linfociti T e contribuisce all’eliminazione dei radicali liberi, favorendo i processi di depurazione dell’organismo e contribuendo a contrastarne l’invecchiamento. Stimola inoltre le cellule macrofaghe a produrre sostanze in grado di distruggere le cellule cancerogene.

Funghi

Vi sono dei funghi considerati come dei veri e propri medicinali, denominati shiitake, maitake e reishi. Essi contengono betaglucani, dei carboidrati complessi che migliorano l’attività del sistema immunitario contro le infezioni e contro il cancro, oltre a ridurre le allergie legate ad un cattivo funzionamento del sistema immunitario. Gli studi scientifici si sono focalizzati sugli estratti contenuti in tali funghi, che potrebbero risultare benefici se aggiunti alla nostra dieta. I betaglucani sono inoltre contenuti nella crusca di avena e nell’avena integrale.

Evitare lo zucchero raffinato

Una delle sostanze da evitare per non compromettere l’attività del sistema immunitario è costituita dallo zucchero raffinato, A parere della dottoressa Brigitte Mars, erborista ed autrice del libroThe Desktop Guide to Herbal Medicines”, gli alimenti e le bevande ricche di zucchero raffinato ostacolano il buon funzionamento delle difese immunitarie naturali del nostro organismo.

Leggi anche: 5 ingredienti raffinati di uso comune che ci stanno avvelenando

Ridurre lo stress

Lo stress altera il funzionamento del sistema immunitario e per questo motivo dovremmo imparare ad allentare le tensioni a cui siamo giornalmente sottoposti, in modo da proteggere la nostra salute. Lo stress indebolisce i globuli bianchi rendendoli meno pronti a reagire di fronte ai pericoli esterni, abbassando la loro capacità di attivarsi contro le infiammazioni e lasciandoci dunque più esposti alle malattie. Per ridurre lo stress, è bene dedicarsi spesso ad attività rilassanti come yoga, passeggiate all’aria aperta e attività di gioco insieme a bambini e animali. Il movimento e l’attività fisica sono considerate un toccasana al fine di ridurre lo stress.

Riposare bene 

Il riposo aiuta il nostro organismo a recuperare le energie e a rafforzarsi, anche per quanto concerne l’attività del sistema immunitario. La carenza di sonno e di riposo svolge l’effetto di provocare un vero e proprio stress per il nostro corpo, ostacolando le funzionalità del sistema immunitario ed elevando gli stati infiammatori. Si crea così una combinazione che ci rende maggiormente esposti al rischio di contrarre malattie.

Leggi anche: Ecco come la tua alimentazione può aiutarti a dormire meglio la notte

Smettere di fumare

Il fumo di sigaretta, con particolare riferimento al tabacco, è complice dell’aumento degli stati infiammatori, incrementa la formazione di muco a livello dell’apparato respiratorio ed inibisce l’azione delle ciglia disposte all’interno delle cavità nasali nel liberarsi dello stesso. Si tratta di una condizione che ci espone maggiormente alle infezioni e che porta il sistema immunitario ad affaticarsi per combattere le stesse. Sotto accusa anche il fumo passivo, a cui donne non fumatrici e bambini non dovrebbero mai essere esposti, al fine di non ostacolare il corretto funzionamento delle difese immunitarie.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook