Triclosan in dentifrici e saponi: quali rischi per la salute?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Attenzione al triclosan, una sostanza dal potere antibatterico molto utilizzata nei prodotti cosmetici che tutti noi impieghiamo nella vita quotidiana, tra saponi, dentifrici e collutori. Forse stiamo usando ogni giorno prodotti al triclosan senza saperlo?

Ormai da anni gli Stati Uniti stanno pensando di mettere al bando il triclosan almeno in alcuni prodotti per via di alcuni potenziali rischi per la salute, legati in particolare alla diffusione dei batteri super resistenti.

Cerchiamo di capire meglio cos’è il triclosan, in quali prodotti viene utilizzato, quali sono i rischi per la salute e come fare per evitarlo.

Triclosan, cos’è e dove si trova

triclosan22

Il triclosan è una sostanza antibatterica e antifungina che viene impiegata molto spesso come conservante in prodotti di uso comune che includono dentifrici, saponi, saponi antibatterici, detergenti per il corpo, detergenti intimi, deodoranti, collutori e altri prodotti cosmetici.

Leggi anche: SAPONI ANTIBATTERICI: PER LA FDA POTREBBERO AUMENTARE LA RESISTENZA AGLI ANTIBIOTICI

Triclosan, il parere dell’FDA

L’FDA di recente ha deciso di vietare negli Stati Uniti la vendita di saponi antibatterici contenenti triclosan o altre 18 sostanze potenzialmente pericolose per la salute. Il divieto entrerà in vigore ufficialmente a partire da settembre 2017.

Infatti l’FDA ha messo in dubbio l’efficacia di tali prodotti antibatterici e nello stesso tempo ha messo in risalto il legame tra triclosan e diffusione dell’antibiotico resistenza. I batteri super resistenti agli antibiotici e agli antibatterici possono mettere a rischio la salute umana nel caso in cui non esistano ancora farmaci efficaci che siano in grado di curare le infezioni che tali batteri possono provocare.

Leggi anche: L’FDA METTE AL BANDO 19 SOSTANZE PRESENTI NEI SAPONI ANTIBATTERICI. E IN EUROPA?

saponi triclosan

Già nel 2013 l’FDA stava pensando alla messa al bando del Triclosan il cui impiego secondo l’American Society Of Microbiology potrebbe aumentare il rischio di infezioni invece di ridurlo e tra pochi mesi la messa al bando almeno per quanto riguarda i saponi antibatterici diventerà effettiva. Negli Usa il triclosan sarà però ancora presente e ammesso nei dentifrici.

Leggi anche: TRICLOSAN IN DETERGENTI E COSMETICI PRESTO AL BANDO NEGLI USA?

Triclosan in Europa

Per quanto riguarda l’Europa il triclosan è ancora un ingrediente molto utilizzato nei prodotti che vi abbiamo già specificato. Resta da comprendere se dopo la decisione dell’FDA per quanto riguarda gli Usa, anche l’Unione Europea deciderà di intervenire, visto il problema della diffusione dell’antibiotico-resistenza.

Triclosan, quali rischi per la salute?

Il triclosan come potente antibatterico potrebbe essere tra le cause dello sviluppo di batteri super resistenti ai farmaci. Siamo di fronte ad un allarme internazionale secondo cui nei prossimi anni l’antibiotico-resistenza potrebbe causare più morti del cancro. Sia in Italia che nel mondo sono già attive delle campagne che invitano all’uso responsabile degli antibiotici, solo quando sono davvero necessari, sia per quanto riguarda l’uomo che per gli animali da allevamento, dove ormai da anni si sta verificando un vero e proprio abuso di questi farmaci sia per la cura che per la prevenzione.

Leggi anche: MENO ANTIBIOTICI NEGLI ALLEVAMENTI, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI, L’ALLARME DELL’EFSA

I rischi per la salute del triclosan non sono però legati soltanto alla diffusione della resistenza dei batteri agli antibiotici.

Leggi anche: RESISTENZA AGLI ANTIBIOTICI: NEL 2050 ALCUNI BATTERI FARANNO PIÙ MORTI DEL CANCRO

Studi recenti hanno messo in evidenza che il triclosan sarebbe in grado di causare gravi danni al fegato, tumori compresi.

Lo studio in questione porta il titolo di “The commonly used antimicrobial additive Triclosan is a liver tumor promoter” e ha dimostrato la pericolosità del triclosan su modello animale. Resta da comprendere se i danni per il fegato legati al triclosan possano interessare anche gli esseri umani.

Ma non finisce qui. Secondo un recente approfondimento di Altroconsumo, un uso prolungato di cosmetici contenenti triclosan può contribuire all’insorgere di allergie, senza contare che si tratta di una sostanza dannosa per l’ambiente.

Leggi anche: IL TRICLOSAN PUO’ CAUSARE GRAVI DANNI AL FEGATO, TUMORI COMPRESI

triclosan dentifricio

Per riassumere, il triclosan:

  • Può favorire lo sviluppo di antibiotico-resistenza.
  • Può contribuire all’insorgenza di allergie.
  • Ha un impatto ambientale negativo.
  • Potrebbe risultare dannoso per il fegato.

Nel dubbio che al triclosan siano legati questi ed altri rischi per la salute non possiamo che suggerirvi di evitare i prodotti che lo contengono a favore delle alternative senza triclosan già in commercio o dell’autoproduzione di cosmetici e detergenti.

Triclosan, come evitarlo

Per evitare il triclosan dobbiamo imparare a leggere bene le etichette dei prodotti che acquistiamo, soprattutto per quanto riguarda dentifrici, saponi antibatterici, collutori, deodoranti e detergenti intimi. Non tutti i prodotti di questo tipo contengono triclosan, quindi facendo attenzione alla lista degli ingredienti riportati in etichetta possiamo scegliere quei prodotti in cui il triclosan risulta assente.

Marta Albè

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook