Toxocara: tutto quello da sapere sul parassita del parco giochi che potrebbe infettare i bambini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Toxocara è una famiglia di parassiti presenti soprattutto nei cani e nei gatti randagi che in alcuni casi possono arrivare ad infettare l’uomo se ad esempio inavvertitamente si assumono cibo o acqua contaminati dalle loro uova. Quali allora i rischi per i bambini che frequentano parchi e giardini? E come evitare il contagio?

Come si trasmette il Toxocara

Le uova di Toxocara presenti nell’intestino degli animali colpiti dal parassita vengono rilasciate all’esterno attraverso le feci ed è in quel momento che possono diventare pericolose anche per i bambini.

L’eventualità di incorrere in questo problema non è in realtà così alta, soprattutto in Italia, e non c’è certo da creare allarmismi ma semplicemente da sapere che una volta ingerite inavvertitamente attraverso cibo o acqua contaminati, le uova del parassita rilasciano delle larve che possono essere potenzialmente pericolose raggiungendo diversi organi tra cui il cervello.

L’allarme è stato lanciato dai Centri per il controllo delle malattie negli Stati Uniti (Cdc) dove è stato appurato, da dati raccolti a settembre scorso e pubblicati sulla rivista Clinical Infectious Diseases, che circa il 5% della popolazione ha gli anticorpi per il Toxocara, ciò significa che queste persone hanno ingerito le uova.

Maggiormente a rischio sarebbero le fasce della popolazione più povere, si è visto infatti che nei parchi di New York analizzati le uova si trovavano in 9 casi su 21, la maggior parte dei quali nel Bronx.

Il centro avvisa sostanzialmente che i bambini che giocano in parchi, cortili e giardini possono ingerire queste larve se vengono in contatto con qualcosa di contaminato da cani e gatti randagi portatori del parassita. Il pericolo è soprattutto a livello cerebrale, la presenza di queste larve può infatti creare problemi a livello cognitivo e di apprendimento. La presenza del parassita è stata collegata a basso quoziente intellettivo ed epilessia.

Ma non è il solo rischio, queste larve possono anche raggiungere gli occhi, il fegato e i polmoni con il rischio di gravi infezioni ed infiammazioni facendo comparire sintomi il più delle volte confondibili con quelli di altre malattie: febbre, tosse, stanchezza, dolori e altro.

toxocara infografica

Diagnosi e cura

Diagnosticare il Toxocara non è sempre facile ed immediato e spesso la diagnosi corretta avviene dopo aver escluso molti altri possibili disturbi. Nel frattempo però potrebbero essere passate molte settimane o addirittura mesi.Una volta accertata la presenza, la cura in realtà è molto semplice e si basa su un farmaco antiparassitario.

Come evitare il rischio

Potenzialmente il rischio di incorrere nelle uova di Toxocara c’è anche nel nostro paese, soprattutto in caso di cani randagi cuccioli che possono trasmettere il parassita ai bambini piccoli, con un sistema immunitario ancora fragile. Il problema non sussiste invece con cani e gatti domestici tenuti sotto controllo da un veterinario di fiducia, questi animali solo in casi davvero molto rari risultano infatti colpiti dal parassita.

Sarebbe importante, quando i bambini giocano in parchi e giardini, che lo facciano in luoghi puliti dove non vi è presenza di feci di cani o gatti. Rimane sempre valida la buona abitudine di monitorare i piccoli affinché non si mettano le mani in bocca e insegnare loro l‘importanza di lavarsi le mani con acqua calda e sapone dopo aver giocato con gli animali e nei parchi, soprattutto prima di mangiare.

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook