Tatuaggi, attenzione all’inchiostro cancerogeno killer

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama Dynamic ed è cancerogeno. È l’inchiostro killer che si aggira indisturbato in Italia. Si tratta di un inchiostro nero che mette a rischio tumori preso di mira dall’Associazione italiana tatuatori riuniti (Atir) dopo aver ricevuto le prime segnalazioni.

Già poco tempo fa ci siamo soffermati sulle possibili infezioni che possono seguire a un tatuaggio, oggi questa notizia fa riflettere sulla reale necessità di informarsi sempre e per ogni minimo dettaglio sulla qualità dei prodotti usati dai tatuatori cui decidiamo di affidarci.

LEGGI anche: TATUAGGI: COME RICONOSCERE ALLERGIE E INFEZIONI (EVITANDO COMPLICANZE)

L’inchiostro finito ora sul banco degli imputati è denominato “Dynamic”, viene esportato dalla Killer Ink e venduto soprattutto nelle fiere di tatuaggi.

Costa un po’ meno di un inchiostro di qualità usato in studi certificati. A dire il vero alcuni importatori appongono etichette su cui è scritto che non deve essere usato per i tattoo. Ma temo che questa avvertenza non scoraggi gli abusivi che in Italia sono 10 per ogni tatuatore a norma. E del resto anche queste etichette-avviso sono del tutto fuori dalle regole”, spiega Geppi Serra, presidente dell’Atir.

LEGGI anche: SEI SICURO DEL TUO TATUAGGIO? L’INCHIOSTRO UTILIZZATO MICA TANTO

Dalle analisi fatte eseguire dall’Associazione dei tatuatori è emersa la presenza di alcuni metalli pesanti e di diversi tipologie di idrocarburi policiclici aromatici (Ipa), sostanze classificate come cancerogene, mutagene e teratogene.

Siamo molto preoccupati. Si tratta di un prodotto che costa poco e, a quanto sappiamo, molto scuro, con buoni risultati su disegno. Ma è estremamente pericoloso”, conclude Serra.

Il monito, allora, rimane sempre lo stesso per tutt*: rivolgetevi sempre a dei professionisti preparati con tanto di certificazioni e attestati validi, informatevi sugli inchiostri utilizzati, evitate sempre e comunque gli abusivi e i tatuatori improvvisati e non fidatevi di chi vi fa un prezzo troppo basso.

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook