Johnson & Johnson condannata per la seconda volta: per i giudici il talco è cancerogeno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Johnson & Johnson di nuovo sotto accusa e di nuovo condannata a causa dei possibili effetti collaterali dell’utilizzo del suo talco.

È già la seconda volta che il noto marchio di detergenza per grandi (ma soprattutto per bambini) viene condannato ad un maxi risarcimento nei confronti di una consumatrice che dopo aver adoperato il noto talco per lunghi anni si è trovata alle prese con un tumore ovarico.

Ma c’è davvero correlazione tra l’utilizzo di questo prodotto e la comparsa della malattia? A detta dei giudici della corte che analizzato il caso, sì! L’azienda si vede costretta così a pagare a Gloria Ristesund, 62enne del South Dakota, ben 55 milioni di dollari dopo che, pochi mesi fa, ne aveva già sborsati 72 milioni per lo stesso motivo ad un’altra donna.

Johnson & Johnson ha già annunciato un ricorso per entrambe le cause ma la questione non finisce qui. Sembra infatti che l’azienda abbia ancora da affrontare circa 1200 cause intentate da consumatori convinti che i suoi prodotti siano cancerogeni. Una situazione davvero pessima ma dalla quale J&J è convinta di uscire al meglio dato che ritiene il suo talco sicuro anche alla luce di alcune ricerche che non hanno mai riscontrato correlazione con la comparsa di tumori.

Lo Iarc, Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, ha però classificato le sostanze contenute nel talco incriminato come possibili cancerogeni già dal 2006: non ci sono notizie certe quindi ma qualche dubbio concreto evidentemente esiste. Perché allora non scegliere sostanze sicuramente sicure per la nostra salute?

Come sempre vi consigliamo di guardare bene l’INCI di tutti i prodotti che acquistate per la detergenza e la salute di pelle e capelli, ancor di più se si tratta di prodotti che dovete utilizzare sui bambini.

Oggi le alternative ecologiche, bio e senza ingredienti dannosi o allergizzanti fortunatamente esistono. Scegliamo quindi di fare acquisti consapevoli!

Francesca Biagioli

Leggi anche:

frecciaJHONSON & JOHNSON: RITIRATA LICENZA IN INDIA PER TALCO CANCEROGENO

frecciaINCI: COME LEGGERE L’ELENCO DEGLI INGREDIENTI COSMETICI

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook