Tabagismo: colpa di geni e Dna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il tabagismo deriverebbe da una mutazione genetica, molto frequente nel genere umano. A dirlo alcuni ricercatori dell’Institut Pasteur e del CNRS che hanno recentemente condotto uno studio su modello animale dimostrando come appunto i geni sarebbero responsabili del desiderio incontrollato di nicotina.

Niente noia, dunque, pubblicità, nervosismo, ambiente o altri fattori esterni indurrebbero nell’uomo il desiderio di fumare ma una “semplice” modifica al codice genetico che colpisce il recettore neuronale della nicotina, interrompendo così quel meccanismo conosciuto come “circuito premio” ovvero la sensazione di appagamento dopo aver fatto qualcosa di piacevole.

A differenza delle altre, le persone con questa mutazione non si sentono soddisfatte con basse dosi di nicotina e sono spinte nuovamente al consumo di sigarette. Un fenomeno dunque che farebbe aumentare sempre più il desiderio di fumare dato che per raggiungere una certa soddisfazione ci sarebbe bisogno di avere un livello di nicotina in circolo 3 volte più alto rispetto a quello necessario ad un fumatore “normale”.

Come ben possiamo intuire guardandoci intorno, questa mutazione genetica interessa un cospicuo numero di persone: il 35% degli europei e il 90% dei grandi fumatori. È importante però aver capito questo meccanismo, adesso infatti gli scienziati hanno un punto in più a loro favore per ideare dei nuovi trattamenti mirati a sconfiggere la dipendenza da tabacco.

Questa scoperta è da definire meglio e approfondire (dato che lo studio pubbicato su Molecular Psychiatry è stato effettuato solo su modello animale) e non deve scoraggiare nessuno di voi a smettere di fumare. Alla faccia del Dna tante persone ci sono riuscite!

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Fumo: le donne che smettono guadagnano 10 anni di vita

Vuoi smettere di fumare? Aiutati con frutta e verdura!

Il fumo di una sigaretta inquina più di un auto in corsa

Sigarette: in Italia il fumo uccide 70mila persone

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook