La giovane studentessa che ha scoperto come combattere i super batteri

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La soluzione per sconfiggere i ? Potrebbe arrivare dalla nuova ricerca condotta da una studentessa di soli 25 anni che è appena stata pubblicata sulla rivista scientifica Nature.

Secondo la ricerca svolta in laboratorio la soluzione è nelle nanoparticelle e in particolare in un polimero sintetico che è risultato in grado di sconfiggere le infezioni causate da batteri resistenti a più tipi di antibiotici.

Shu Lam è una ricercatrice di 25 anni, studentessa dell’Università di Melbourne, in Australia. Il polimero da lei realizzato è in grado di uccidere 6 differenti tipologie di batteri senza ricorrere agli antibiotici.

Si parla già di una potenziale soluzione per il problema dei batteri super resistenti agli antibiotici anche se sarà necessario approfondire le ricerche condotte fino ad ora in laboratorio. A livello internazionale i batteri super resistenti sono considerati una minaccia fondamentale per la salute pubblica, come hanno dichiarato le Nazioni Unite.

La resistenza dei batteri agli antibiotici sta già uccidendo circa 700 mila persone all’anno nel mondo ma uno studio recente ha suggerito che il numero potrebbe salire fino a 10 milioni nel 2050.

Leggi anche: SUPER BATTERI: SCOPERTI NUOVI BATTERI RESISTENTI AGLI ANTIBIOTICI IN CINA

Negli ultimi decenni abbiamo assistito purtroppo ad un vero e proprio abuso degli antibiotici sia per quanto riguarda la loro prescrizione come trattamento per i pazienti sia in ambito veterinario per il loro utilizzo negli allevamenti.

Leggi anche: I SAPONI ANTIBATTERICI AUMENTANO LA RESISTENZA DEI SUPER BATTERI

Tutti i nodi vengono al pettine. Oltre all’ormai noto Staphylococcus aureus (MRSA) resistente alla meticillina ora gli scienziati hanno una nuova preoccupazione e temono che la gonorrea stia per diventare resistente ai medicinali esistenti.

Leggi anche: SUPER BATTERI: LA SOLUZIONE È UN POTENTE ANTIBIOTICO SCOPERTO… NEL NOSTRO NASO

Speriamo nello stesso tempo nel progresso della ricerca scientifica per sconfiggere i batteri super resistenti e in campagne di sensibilizzazione sulla somministrazione e sull’assunzione di antibiotici che andrebbero presi solo quando effettivamente ne esiste il bisogno e non ci sono alternative.

Marta Albè

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook