Alcuni scienziati ritengono che la cannabis possa aiutare a prevenire e curare il coronavirus. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Uno studio in pre-pubblicazione, e dunque da prendere con le dovute cautele, ritiene che la cannabis possa aiutare nella prevenzione ma anche nel trattamento del coronavirus.

I ricercatori dell’Università di Lethbridge (Canada) nel loro studio avrebbero dimostrato che sono almeno 13 piante di cannabis ad essere in grado di influenzare i percorsi che il virus sfrutta per accedere alle cellule del nostro corpo. Non quindi un qualsiasi tipo di cannabis ma solo poche varietà, quelle più ricche in CBD antinfiammatorio e a basso contenuto di THC (si tratta in sostanza della cosiddetta cannabis medica).

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista online Preprints, indicano che gli estratti di canapa ricchi di CBD possono aiutare a bloccare le proteine che forniscono un “gateway”, ossia il passaggio che consente al virus di entrare nelle cellule ospiti.

La ricerca è stata effettuata su modelli 3D di tessuti umani sui quali, dopo aver utilizzato estratti di alcune tipologie di cannabis, gli scienziati hanno potuto evidenziare una diminuzione dei livelli delle proteine Ace2 e Tmprss2, quelle che il Sars-Cov-2 utilizza appunto per entrare nelle cellule.

Sottolineando la necessità di ulteriori ricerche, lo studio ha acceso la speranza che, se confermato quanto scoperto, l’utilizzo della cannabis “potrebbe rivelarsi una strategia plausibile per ridurre la suscettibilità alla malattia” e “diventare un’aggiunta utile e sicura al trattamento di COVID-19 come terapia di supporto“.

La cannabis potrebbe anche essere usata per “sviluppare trattamenti preventivi di facile utilizzo sotto forma di prodotti per i gargarismi e colluttori”, suggerisce lo studio, con un “potenziale per ridurre l’ingresso virale” attraverso la bocca.

“All’inizio siamo rimasti sbalorditi, e poi siamo rimasti davvero contenti”, ha commentato a CTV News una delle ricercatrici, Olga Kovalchuk.

Il marito di Kovalchuk, Igor, anch’esso ricercatore coinvolto nello studio, è convinto che la cannabis potrebbe ridurre i punti di ingresso del virus fino al 70% e di conseguenza dare alle persone maggiori possibilità di combatterlo.

“Il nostro lavoro potrebbe avere un’enorme influenza, non ci sono molti farmaci che hanno il potenziale di ridurre le infezioni dal 70 all’80%”  ha dichiarato al Calgary Herald.

Lo studio, che deve ancora essere sottoposto a peer review, è stato condotto in collaborazione con Pathway Rx, una società di ricerca sulle terapia a base di cannabis, e Swysh Inc, una società di ricerca basata sui cannabinoidi.

I ricercatori sono ora alla ricerca di nuovi finanziamenti per continuare i loro sforzi a sostegno di iniziative scientifiche per affrontare il COVID-19.

Nel frattempo è ovviamente prematuro pensare ad una reale applicazione clinica dei cannabinoidi nei confronti del nuovo coronavirus, almeno prima che ulteriori studi non ne confermino l’efficacia e la sicurezza.

Fonti di riferimento: CTV News / Calgary Herald / Preprints

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook