Stress: nel 2020 sara’ una vera malattia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gente, lo stress è davvero il male del secolo. Nel 2020 sarà la prima causa di malattia e di assenza al lavoro. Tutt* ma tutt* stressati, complici l’insicurezza e la precarietà.

È il quadretto niente male delineato dall’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (Eu-Osha), che ha messo in luce come il problema sia ancora sottovalutato, nonostante lo stress accompagni alcune persone praticamente durante tutto l’arco della giornata e soprattutto sul luogo di lavoro.

La circostanza è stata segnalata dal Direttore vicario prevenzione dell’Inail, Tommaso De Nicola, nel corso di un convegno presso la Farnesina. “Oggi – ha spiegato De Nicola – le cause principali di stress sono l’insicurezza e la precarietà, il carico di lavoro e i fattori organizzativi, in particolare la mancanza di supporto da parte di capi e collaboratori. E per il 50% dei lavoratori europei intervistati lo stress è una condizione normale”.

Insomma, saper fronteggiare lo stress e riuscire a sconfiggerlo è importante per vivere bene, ma non è un lavoro da poco. Quando ci ritroviamo di fronte a problemi come la precarietà, i rapporti col datore di lavoro, il mutuo da pagare, i figli, i colleghi, i genitori che si fanno sempre più anziani, riuscire a stare sereni è davvero complicato.

Il tema dello stress sul lavoro riguarda tutti noi – ha spiegato il Sottosegretario agli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale Benedetto Della Vedova – Pensiamo a chi è impiegato in campo internazionale, che ogni quattro o cinque cambia Paese, ufficio, casa, scuola dei figli, vive lo sradicamento degli affetti e faticosamente, e non sempre, li ricostruisce, e a chi lavora in aree di crisi e in situazioni di emergenza. È dunque centrale mettere i lavoratori nelle migliori condizioni per il raggiungimento degli obiettivi in termini di qualità, efficienza e produttività“.

Come porre rimedio? Perché non pensare a qualche incentivo, sia economico che psicologico, per i lavoratori? E non solo, pensate anche voi alla vostra persona: non portatevi il lavoro a casa, prendetevi delle pause, se potete andate anche in ufficio in bicicletta, andate in palestra e vogliatevi più bene! Dovrete campare solo una volta, fatelo al meglio e non ammalatevi di stress!

Germana Carillo

LEGGI anche:

Stress: 10 segnali di avvertimento

Come gestire lo stress e rilassarsi in 7 mosse

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook