Lo stress fa bene al cervello e migliora la memoria

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Stress a livelli altissimi e impegni a go go: chi l’ha detto che tutti i mali vengono per nuocere? Pare, piuttosto, che di situazioni particolarmente oberate di cose da fare e di conseguente tensione ne giovi il cervello.

Sì insomma, essere impegnati in attività mentalmente stimolanti migliorerebbe le prestazioni del cervello e anche la memoria. A dirlo è un gruppo di ricercatori dell’Università del Texas che in uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Aging Neuroscience.

La ricerca – Gli studiosi hanno preso un campione di 330 persone sane, di età compresa tra i 50 e gli 89 anni (soggetti già reclutati nello studio Dallas Lifespan Brain Study, uno dei più vasti studi americani sui cambiamenti nella cognizione e nel funzionamento cerebrale dovuti al passare degli anni in persone adulte sane) e hanno somministrato dei questionari relativi alle abitudini quotidiane e al tipo di attività svolte e dei test neuropsicologici di valutazione delle capacità cognitive.

Ciò che è emerso è che indipendentemente dall’età e dal livello di educazione, coloro che si dedicavano di più a delle attività impegnative avevano delle prestazioni cognitive migliori degli altri e una migliore memoria episodica e di lavoro, erano più rapidi nell’elaborare delle informazioni, più capaci nei ragionamenti e nell’esprimersi con un vocabolario più vasto.

Non chiudetevi in una stanza, dunque, e non datevi all’ozio sfrenato! E, soprattutto, non lamentatevi per il tanto daffare quotidiano! Più la vostra vita sarò ricca di impegni e stimoli, più giovane e attivo sarà il vostro cervello, che avrà così buone riserve per quando sarete più anziani.

Come può accadere ciò? Semplice: il fisiologico decadimento cognitivo lo si contrasta proprio con le continue sollecitazioni al cervello. Ovvio che si parla di stress “buono” e non di quello che ci fa alzare la pressione a mille e ci fa fare il sangue amaro. Si parla delle giuste stimolazioni e dei giusti impegni, quelli che ci fanno sentire soddisfatti a fine giornata e con la sensazione di aver fatto qualcosa di buono anche per noi.

Germana Carillo

LEGGI anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook