Stress: nelle donne di mezza eta’ aumenta il rischio di demenza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lo stress, dovuto a dispiaceri, lutti, divorzi e altri eventi poco piacevoli, può provocare lo sviluppo della demenza senile nelle donne di mezza età. Lo ha rivelato uno studio di lunga durata, condotto dall’Università svedese di Goteborg, secondo cui più è stato stressante l’evento, maggiore è il rischio di contrarre patologie come l’Alzheimer.

La ricerca, pubblicata sulla rivista BMJ Open, ha esaminato i dati raccolti da uno studio di lungo termine svolto su 800 donne svedesi che hanno subito una serie di test neuropsichiatrici, quando furono selezionate nel 1968.

Le donne erano tutte nate nel 1914, 1918, 1922 e 1930. Esse sono state interrogate sui “fattori di stress” della loro vita, come il divorzio, la vedovanza, i problemi di lavoro e le malattie subite da un parente, ad intervalli regolari nel corso di quattro decenni. Una su quattro aveva subito almeno un evento stressante, il 23 per cento ne aveva riferiti due, una su cinque aveva subito tre fattori di stress e il 16 per cento ne aveva raccontati quattro o più.

È emerso chiaramente che gli eventi negativi provocavano un aumento del rischio di demenza tra le donne di mezza età. Le donne che avevano riferito un maggior numero di fattori di stress nel 1968, hanno mostrato di avere una probabilità maggiore del 21 per cento di sviluppare la demenza.

Anche se gli autori hanno sottolineato che sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i risultati dello studio, non hanno dubbi sul fatto che “lo stress può provocare una serie di reazioni fisiologiche del sistema endocrino, del sistema nervoso centrale, del sistema immunitario e cardiovascolare”.

Il nostro studio mostra che fattori di stress psicosociale comuni possono avere conseguenze fisiologiche e psicologiche gravi e di lunga dataspiegano gli autori della ricerca. “Il numero di fattori di stress psicosociale, misurati in donne di mezza età, era legato all’incidenza della malattia di Alzheimer quasi quattro decenni più tardi”.

In attesa di nuove conferme, meglio rimanere calmi, mangiare pistacchi e praticare yoga, anche al lavoro

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Come Gestire Lo stress e rilassarsi in 7 mosse

10 modi a impatto zero per ridurre lo stress

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook