L’estate piovosa provoca depressione e stress. Come prevenirli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Scordiamoci l’estate così come l’abbiamo conosciuta e prepariamoci a soffrire di ansia e depressione. La pioggia che sta colpendo il nostro Paese, infatti, altera i ritmi circadiani ormonali connessi all’umidità, l’esposizione alla luce e i raggi solari, alla pioggia, al caldo, lasciandoci lo “stress da cattivo tempo”.

A dirlo è lo psichiatra Michele Cucchi, direttore sanitario del Centro medico Santagostino di Milano. L’esperto spiega al Tgcom:

“Non è solo un atteggiamento culturale quello che ci fa dire “con questo tempo non ho voglia di fare nulla” davanti ai weekend piovosi di luglio. È una vera e propria inclinazione biologica. In generale possiamo dire che gli sbalzi di temperatura generano ansia, il grigio delle giornate piovose estive e primaverili, il buio dell’inverno sono depressogeni, così come gli abbassamenti di pressione”.

L’antidoto però esiste ed è mantenersi attivi, facendo sport.

“Buttarsi sul divano o rigirarsi nel letto avrebbe un effetto peggiorativo. Inoltre, bere molta acqua e tenersi idratati aiuta a mitigare i cambiamenti repentini e gli effetti sul nostro corpo e sul sistema emotivo”, continua l’esperto.

Ma di chi è la colpa? Non ci sono dubbi, checché ne dicano i negazionisti: è del cambiamento climatico. Il riscaldamento globale, infatti, ha modificato la posizione dei grandi centri di azione climatica. Imputato numero uno, l’Anticiclone delle Azzorre che, spostandosi a nord, non ci fa più da muro come in passato per le perturbazioni provenienti dall’Atlantico.

L’Anticiclone adesso è all’ovest dell’Inghilterra, dove imperversa un’estate mediterranea, calda e soleggiata. E a noi restano le piogge e l’aria fresca. Lo spiega all’Agi Giampiero Maracchi, climatologo dell’Universita’ di Firenze e direttore dell’Istituto di biometeorologia del Cnr. In compenso, però, sta per arrivare l’anticiclone della Libia, che porterà il caldo afoso. Come a dire, di male in peggio.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Cambiamenti climatici: emergenza planetaria reale. Ecco come combatterli (infografica)

Cambiamenti climatici, come cambiera’ la Terra nei prossimi decenni: il video

Cambiamenti climatici, IPCC: tutta colpa dell’uomo (#DebateIsOver)

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook