Spese sanitarie: nel 2020 detraibili al 19% solo se si paga con carta, bonifico o bancomat

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Confermata in legge di bilancio, da un emendamento, la possibilità di detrarre le spese sanitarie per tutti i contribuenti, a prescindere dal reddito, ma a una condizione: dovranno essere pagate con carta, bonifici bancari o postali, assegni e bancomat, e quindi risultare tracciabili.

La detrazione prevista è del 19% e potrà essere richiesta al momento della dichiarazione dei redditi, a partire dal 2021.

Inizialmente si era deciso di detrarre le spese sanitarie a seconda del reddito annuo, eliminando la detrazione per chi ha redditi sopra i 240mila euro all’anno, ma il governo ha poi ritirato la proposta scegliendo di non inserire limiti alla detraibilità.

Come beneficiare della detrazione

Come premesso, per beneficiare della detrazione sarà indispensabile pagare con metodi tracciabili, ovvero con carte di credito, bancomat, bonifici bancari o postali e assegni, e le detrazioni, così facendo, risulteranno già caricate nella pre-compilata inviata dall’Agenzia delle Entrate.

Questa novità esclude l’utilizzo dei pagamenti in contanti? La risposta è no, si potrà continuare a pagare in contanti ma in questo caso non è prevista alcuna detrazione.

Anche le spese veterinarie dal 1° gennaio 2020 saranno detraibili nella misura del 19%, “fino all’importo di 500 euro, limitatamente alla parte che eccede 129,11 euro.”

Le eccezioni

Ci sono delle eccezioni al pagamento con carta e bancomat, nel caso di spese per prestazioni rese dalle strutture pubbliche o private accreditate al Servizio sanitario nazionale, che potranno essere comunque detratte. Mentre le spese sostenute in contanti per prestazioni specialistiche presso studi medici privati non saranno detraibili.

Inoltre le spese sostenute per l’acquisto di farmaci presso le farmacie, o per l’acquisto di dispositivi medici e protesi, potranno essere effettuate in contanti, per venire incontro alle esigenze degli anziani, che spesso non utilizzano i bancomat e le carte di credito. Ma in questo caso, per beneficiare delle detrazioni, sarà necessario presentare la tessera sanitaria affinché il codice fiscale venga riportato sulla ricevuta.

Da quando

La manovra sarà attivata a partire dal 1° gennaio 2020 e si potrà quindi beneficiare della detrazione nella dichiarazione dei redditi presentata nel 2021, relativa al 2020.

Ti potrebbe interessare anche:

 

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook