Insonnia: basta perdere 16 minuti di sonno per essere meno produttivi a lavoro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Solo 16 minuti in meno di sonno rispetto alla normale routine possono influire notevolmente sul rendimento a lavoro il giorno successivo. Per cui, se tra i colleghi siete aggressivi, di malumore o non rendete quanto dovreste, probabilmente vi manca il sonno. Dormire infatti anche solo un quarto d’ora in meno rispetto al dovuto, durante la settimana lavorativa, innescherebbe un circolo vizioso che può portare ad essere sempre più stanchi e meno concentrati in ufficio.

A sostenerlo è un nuovo studio dell’University of South Florida, secondo cui riposarsi anche poco meno del solito interferisce notevolmente con le prestazioni lavorative. Una cosa che potrebbe diventare un vero e proprio problema per chi ha avuto da poco un figlio e per chi trascorre parecchie notti insonni.

Sul luogo di lavoro, quindi, andiamoci sereni e soprattutto belli e riposati se vogliamo essere soddisfatti a fine giornata.

Lo studio

Gli studiosi americani hanno analizzato le risposte a un questionario di 130 dipendenti sani, che lavoravano nell’ambito dell’information technology e avevano almeno un bambino in età scolare. Coloro che hanno partecipato ai test hanno riferito che quando hanno dormito 16 minuti in meno rispetto alla solita routine e con un sonno di qualità peggiore, hanno avuto più problemi cognitivi il giorno successivo. Ciò avrebbe accresciuto i loro livelli di stress, in particolare per quanto riguarda le questioni relative all’equilibrio tra vita lavorativa e vita privata, con la conseguenza di spingerli ad andare a letto prima e svegliarsi sempre prima a causa dell’affaticamento.

“I risultati di questo studio – spiega Soomi Lee, l’autrice principale della ricerca – forniscono prove empiriche del motivo per cui nei luoghi di lavoro ci voglia un impegno maggiore per promuovere il sonno dei dipendenti: chi dorme bene può essere più performante sul lavoro, grazie alla maggiore capacità di rimanere concentrato, con meno errori e conflitti interpersonali”.

Allora come fare per essere degli assi in ufficio? Magari tenete bene a mente le 10 regole fondamentali per riposare bene!

Leggi anche:

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook