Ora è ufficiale! La ‘pennichella’ aiuta a prevenire infarti e ictus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che il sonnellino a metà giornata facesse bene dal punto di vista cardiovascolare lo avevamo già scoperto grazie a una ricerca effettuata dalla European Society of Cardiology e a un’altra, condotta dall’Asklepieion General Hospital in Grecia, secondo la quale le persone abituate al sonnellino pomeridiano hanno maggiori probabilità di contenere le pressione arteriosa.

Ma ora un nuovo studio approfondisce la questione, affermando che a contare, in termini di salute, è soprattutto la frequenza del sonnellino.

Lo studio intitolato “Association of napping with incident cardiovascular events in a prospective cohort study”, pubblicato su Heart, afferma che l’ideale per prevenire infarti e ictus sia fare almeno uno o due pisolini alla settimana.

La ricerca è giunta a questo risultato analizzando l’associazione tra frequenza del pisolino, sua durata media e rischio di problemi cardiovascolari in 3462 soggetti di Losanna, Svizzera, di età compresa fra 35 e 75 anni, nell’arco di tempo compreso tra il 2003 e il 2006.

I soggetti sono stati seguiti per una media di 5 anni dopo il primo controllo avvenuto 3 anni dopo l’inserimento nella ricerca.

Si è così constatato che chi faceva 1-2 pisolini settimanali, circa il 20% dei soggetti analizzati, aveva un rischio di infarto, ictus o insufficienza cardiaca inferiore del 48% rispetto a chi non lo faceva affatto.

E questo indipendentemente da fattori come età, durata del sonno notturno, sonnolenza diurna, regolarità del sonno, depressione. Gli unici fattori che hanno influenzato questo legame sono stati età molto avanzata, oltre i 65, e apnea notturna grave.

Diversa la situazione di chi, invece, faceva pisolini ogni giorno, il 10% dei soggetti, perché in questo caso non si sono rilevati benefici particolari dal punto di vista cardiovascolare.

Invece per quanto riguarda la durata del pisolino, i ricercatori non hanno evidenziato un rapporto tra di essa e il rischio di malattie cardiovascolari.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook