@ lzflzf/123rf.com

Vitamina D: perché dovresti esporti di più al sole per scongiurare il tumore al colon retto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un’esposizione troppo limitata agli UVB proveniente dai raggi solari potrebbe essere associata ad un maggiore rischio di insorgenza del cancro al colon-retto, soprattutto nelle persone anziane. È quanto emerge da uno studio che ha analizzato dati provenienti da 186 paesi del mondo.

I ricercatori dell’Università di San Diego (California) hanno indagato la possibile correlazione fra i livelli di esposizione ai raggi UVB nel 2017 e l’incidenza di cancro al colon-retto in diversi paesi del mondo e per diverse fasce di età nell’anno successivo. È emerso che una scarsa esposizione ai raggi ultravioletti B ha avuto effetti importanti sull’incidenza del cancro al colon-retto, determinando un significativo aumento dei casi in tutte le fasce di età fra 0 e 75 anni; inoltre, si è osservata un’incidenza maggiore per le persone sopra i 45 anni di età, per le quali sono stati presi in considerazione anche altri fattori di rischio – come la pigmentazione della pelle, le abitudini alimentari, il fumo, l’aspettativa di vita.

Ma in che modo l’esposizione ai raggi ultravioletti B incide sull’insorgenza del cancro? Una minore esposizione ai raggi del sole si traduce in minori livelli di vitamina D nel nostro organismo: una carenza di questo elemento è stata già associata al rischio di cancro al colon-retto da precedenti studi (come quello condotto in Asia o quello sull’incidenza del cancro al colon-retto nelle donne). Ora invece la ricerca si indirizzerà all’assunzione di vitamina D e alla regolazione dei suoi livelli nel sangue per prevenire l’insorgenza di malattie – soprattutto per le persone più anziane.

(Leggi anche: Tumore al colon: svelato per la prima volta come troppa carne rossa modifichi il DNA, sviluppando le cellule cancerose)

Per raccogliere i dati, i ricercatori hanno stimato la presenza dei raggi ultravioletti B nell’atmosfera terrestre nell’aprile del 2017 grazie alle informazioni raccolte dalla sonda della NASA EOS Aura e le hanno messe in relazione con i dati relativi ai casi di cancro al colon-retto in 186 paesi del mondo nel 2018. Ovviamente, non tutti i paesi hanno ricevuto la stessa quantità di raggi ultravioletti: paesi del nord del mondo, come Canada, Norvegia o Danimarca, hanno subito un’esposizione minore rispetto a paesi come Sudan, Nigeria e India, a causa della loro posizione sul globo terrestre.

Leggi tutti i nostri articoli su Vitamina D

Fonte: BMC Public Health

Ti consigliamo anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook