Smog: maggior rischio demenza per chi abita in zone trafficate

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che l’inquinamento ambientale abbia serie ripercussioni sulla nostra salute è ormai dimostrato da diverse ricerche. Continuano però ad arrivare conferme: questa volta sotto i riflettori vi è la possibile relazione tra maggior rischio di demenza e l’alto tasso di smog che è costretto a respirare chi vive in zone trafficate.

A dirlo è lo studio pubblicato su Lancet opera dell’Agenzia di Salute pubblica dell’Ontario, in Canada, che ha monitorato per dieci anni lo stato di salute di 6,6 milioni di persone (tra i 20 e gli 85 anni) residenti a Toronto e Ottawa. I risultati hanno evidenziato che chi vive a meno di 50 metri da una grande arteria stradale trafficata ha un 7% in più di possibilità di ammalarsi di demenza, patologia che colpisce soprattutto anziani.

Leggi anche: INQUINAMENTO: IN ITALIA LO SMOG UCCIDE 33MILA PERSONE ALL’ANNO

Secondo la tesi della ricerca, l’aumento esponenziale di questo disturbo potrebbe essere collegato proprio alla contaminazione ambientale e all’esposizione prolungata alle sostanze tossiche emesse dalle auto. Alti tassi di inquinamento dunque sarebbero pericolosi non solo per i polmoni e per la salute dell’apparato cardiovascolare ma anche per il cervello tanto da essere responsabili, secondo gli autori della ricerca, di un caso su dieci di Alzheimer (questa patologia è la più comune causa di demenza).

Leggi anche: LE PARTICELLE DI SMOG SI ACCUMULANO NEL CERVELLO

Come ha spiegato Ray Copes, uno degli autori della ricerca:

“Gli inquinanti entrano nel flusso sanguigno e provocano infiammazione e sono legati a problemi cardiovascolari e a diabete. Lo studio suggerisce che possono entrare anche nel cervello e causare problemi neurologici”.

Leggi anche: MEMORIA: LO SMOG ACCELERA IL DECLINO COGNITIVO
Non si è trovata al momento correlazione tra smog e altre malattie degenerative come il Parkinson e la sclerosi multipla.

I dati fino ad oggi in possesso degli scienziati sono sufficienti a farci capire quanto sia necessario mettere al più presto in atto tutte le possibili azioni volte a ridurre i tassi di inquinamento in ogni parte del mondo, per il bene del pianeta oltre che della nostra salute!

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook