Sistema immunitario: i “baci” dei cani meglio dei probiotici?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Finito lo yogurt nel frigo? Fatevi fare una bella slinguazzata dal vostro cane e anche per oggi sarete a posto con la vostra razione quotidiana di probiotici. Già perché pare che i batteri intestinali dei nostri amici a quattro zampe giovino al nostro benessere.

Così, per l’esatta regola secondo cui ma chi l’ha mai detto che – per igiene – appena nasce un bebè bisogna sbarazzarsi del cane, una bella passata di lingua da parte di Fido su guance e mani, anche su quelle dei pupi, non è da evitare come la peste.

A ipotizzarlo è uno studio dell’Università dell’Arizona, secondo cui quel classico “bacio” umidiccio con cui il cane è capace di dimostrare tutto il suo amore e la sua dedizione sarebbe un toccasana per le nostre difese immunitarie.

Sinora si tratta di pure supposizioni. Per verificare la veridicità di quanto affermano, i ricercatori americani stanno reclutando dei volontari di più di 50 anni. Nella prima fase della ricerca si concentreranno soprattutto sugli effetti che i cani hanno sugli anziani. “Nel corso dei millenni ci siamo co-evoluti insieme ai canispiega Kim Kelly, ricercatrice in antropologia che fa parte di questo studio – ma nessuno capisce in cosa consista questo rapporto cane-uomo che ci fa sentire bene intorno ai cani. È solo che sono teneri e ci piace accarezzarli o c’è qualcos’altro sotto la pelle?“.

Nei prossimi mesi verrà analizzato come la vita di queste persone con un cane possa favorire la crescita di microorganismi positivi nell’intestino umano. I partecipanti verranno sottoposti a tre controlli con metodi non invasivi, per valutare i cambiamenti nella flora intestinale e altri indicatori di benessere psico-fisico. Per partecipare bisogna però non aver assunto antibiotici nei sei mesi precedenti e non aver vissuto con un altro cane.

Pensiamo che i cani potrebbero funzionare come probiotici per migliorare la salute dei batteri che vivono nel nostro intestino. All’insieme di questi batteri, detto microbiota, è riconosciuto un ruolo sempre più importante per la nostra salute mentale e fisica, soprattutto con l’avanzare dell’età“, conclude il dottore e ricercatore Charles Raison.

Insomma, oltre ad essere il migliore amico dell’uomo, il cane si rivelerà essere, molto probabilmente, anche la migliore medicina. E noi lo abbiamo sempre saputo, in fondo, che quei musi umidicci ci mettono in salute, fosse solo per le coccole che sono in grado di offrire!

Germana Carillo

LEGGI anche:

Come il cane migliora la vita: 10 motivi per non farne più a meno

Avere un cane fa bene al cuore

Cani e gatti riducono il rischio di contrarre allergie nei bambini

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook