@Narupon Promvichai/Pixabay

Trombosi: quali sono i primi sintomi “sospetti” di un coagulo di sangue da non sottovalutare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La trombosi è un processo patologico che consiste nella formazione di coaguli di sangue (trombi) all’interno dei vasi sanguigni. Questi impediscono la normale circolazione del sangue e possono diventare estremamente pericolosi. Ma come possiamo riconoscere i primi segnali di una trombosi?

Se all’interno del nostro corpo si forma, per diversi motivi, un coagulo di sangue che poi non si sfalda, la situazione può portare a gravi condizioni di salute. 

Un trombo può formarsi ad esempio nelle arterie che trasportano il sangue dal cuore a tutte le cellule del corpo ma anche nelle vene. Ciò significa che ad un certo punto l’ossigeno potrebbe smettere di arrivare al cervello o al cuore provocando un ictus o un infarto.  

Anche se è difficile individuare preventivamente la presenza di un trombo, possiamo comunque fare attenzione ad alcuni segnali che invia il corpo. Si tratta di sintomi che spesso si possono confondere con quelli di molte altre problematiche e che in alcuni casi, tra l’altro, si verificano in maniera molto leggera o possono essere del tutto assenti. 

A seconda di dove si forma il trombo i sintomi a cui fare attenzione cambiano.

Braccia e gambe

Quando un coagulo di sangue si forma in una delle vene profonde del braccio o della gamba, molto al di sotto della superficie della pelle, si tratta di trombosi venosa profonda (TVP). È una situazione pericolosa perché il coagulo potrebbe raggiungere il cuore o i polmoni.

In questo caso i sintomi a cui fare attenzione sono:

  • Gonfiore: questo può verificarsi nel punto esatto in cui si forma il coagulo di sangue, oppure riguardare l’intera gamba o il braccio.
  • Cambiamento di colore e prurito: si può notare che il braccio o la gamba assumono una sfumatura rossa o blu e diventano pruriginosi.
  • Dolore: man mano che il coagulo peggiora si può iniziare ad avvertire dolore. La sensazione può variare da un dolore sordo a un dolore intenso. Si potrebbe notare un dolore pulsante alla gamba, alla pancia o al braccio.
  • Pelle calda: la pelle intorno alle aree dolorose nel braccio o nella gamba in caso di trombosi può sembrare più calda rispetto a quella di altre zone.
  • Problema respiratorio: se ciò accade, potrebbe significare che il coagulo si è spostato dal braccio o dalla gamba ai polmoni. Si potrebbe avere una brutta tosse e persino emettere sangue.
  • Dolore al petto o vertigini (in questo caso chiamare immediatamente i soccorsi).
  • Crampi alle gambe: se il coagulo è nel polpaccio o nella parte inferiore della gamba, si potrebbe avvertire la sensazione di avere un crampo.
  • Edema: la trombosi può causare accumulo di liquidi (edema) nelle braccia o nelle gambe. Quando si preme sulla zona gonfia, si viene a creare una fossetta che rimane per alcuni secondi.
  • Vene gonfie e dolorose: il dolore può aumentare con il tatto. 

Cuore

Un coagulo di sangue che si forma dentro o intorno al cuore può ovviamente causare un attacco cardiaco. In questo caso i sintomi a cui prestare particolare attenzione sono:

  • Forte dolore al petto e al braccio
  • Sudorazione
  • Problema respiratorio

Polmoni

Un coagulo di sangue nel polmone di solito inizia in una vena profonda del braccio o della gamba, da qui si staccano dei frammenti (emboli) che raggiungono appunto i polmoni. Quando ciò accade, si verifica quella che viene chiamata embolia polmonare, una condizione estremamente pericolosa.

Chiedere subito assistenza medica se si ha:

  • Fiato corto o problemi a respirare
  • Dolore al petto
  • Forte tosse
  • Sudorazione
  • Vertigini

Cervello

I coaguli qui possono essere causati anche da depositi di grasso nelle pareti dei vasi sanguigni che portano il sangue al cervello. O a volte, possono formarsi a causa di un colpo alla testa che porta a una commozione cerebrale.

In altri casi, un coagulo che inizia in una parte diversa del corpo, come il torace o il collo, potrebbe entrare nel flusso sanguigno e raggiungere il cervello, dove può causare un ictus.

Fate attenzione a questi sintomi:

  • Problemi con la vista o la parola
  • Sensazione generale di debolezza
  • Convulsioni

Pancia

Possono verificarsi coaguli di sangue nelle vene che drenano il sangue dall’intestino, causati ad esempio da condizioni come la diverticolite o malattie del fegato.

Verificare con il proprio medico se si hanno sintomi come questi:

  • Nausea o vomito
  • Forte dolore alla pancia, che potrebbe peggiorare dopo aver mangiato
  • Diarrea
  • Feci sanguinolente
  • Sensazione di gonfiore

Reni

Un coagulo di sangue nei reni può impedire loro di rimuovere le tossine dal corpo. Ciò può causare ipertensione o persino insufficienza renale.

Condizioni molto pericolose, è bene quindi fare attenzione a questi sintomi:

  • Dolore al lato della pancia, delle gambe o delle cosce
  • Sangue nelle urine
  • Febbre
  • Nausea o vomito
  • Ipertensione
  • Gonfiore improvviso e grave delle gambe
  • Problemi respiratori

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook