@Theboneg/123rf

Sintomi del diabete: se ti svegli sempre a quest’ora della notte, dovresti controllare la glicemia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I pazienti diabetici hanno una caratteristica comune: tendono a svegliarsi di notte sempre alla stessa ora. Scopriamo perché

La maggior parte dei pazienti diabetici si sveglia quasi ogni notte alla stessa ora, intorno alle 3 del mattino, ma non per qualche rumore fastidioso che interrompe il riposo, bensì a causa dell’improvviso picco del livello di zucchero nel sangue.

Questo fenomeno può accadere per due ragioni: l’effetto Somogyi o il fenomeno dell’alba. (Leggi anche: Diabete di tipo 2: quattro peculiari segnali alla bocca, possibili sintomi di glicemia alta)

Il fenomeno dell’alba

Come sappiamo il nostro corpo utilizza il glucosio per produrre energia, e per svegliarsi al mattino è necessario disporre di un po’ di energia in più. Quindi, il corpo inizia a utilizzare il glucosio immagazzinato per prepararsi al giorno successivo. Allo stesso tempo, il fegato rilascia glucosio extra nel sangue a causa dell’ormone della crescita, del cortisolo e delle catecolamine. Tutto ciò succede, generalmente, al mattino intorno alle 2:00 alle 3:00 per preparare il corpo ad alzarsi e affrontare la giornata. 

Per una persona diabetica, mentre si verificano questi eventi, le dosi di farmaci assunte un giorno prima iniziano a svanire; il risultato? Tutti questi fenomeni insieme portano a un aumento del livello di zucchero nel sangue proprio al mattino. 

L’effetto Somogyi

La seconda causa della glicemia alta al mattino è dovuta all’effetto Somogyi, chiamato anche iperglicemia di rimbalzo. Questo accade quando il livello di zucchero nel sangue scende troppo nel cuore della notte e il corpo rilascia ormoni, che costringono il fegato a rilasciare il glucosio immagazzinato in modo da stabilizzarne la quantità nel corpo. Ma nel caso del diabete, il fegato rilascia del glucosio in più che causa un alto livello di zucchero nel sangue proprio al mattino.

Qual è la differenza

La principale differenza tra i due è che l’effetto Somogyi porta all’ipoglicemia, seguita dall’iperglicemia. Uno dei modi più semplici per scoprire se il picco nel livello di zucchero nel sangue è dovuto all’effetto Somogyi, è controllare i livelli di zucchero prima di coricarsi e subito dopo il risveglio. Se questo è basso durante la notte è dovuto all’effetto Somogyi; mentre, nel caso sia normale o alto può essere dovuto al fenomeno dell’alba. 

Un altro punto da tenere a mente è che l’effetto Somogyi può verificarsi in qualsiasi momento della giornata, quando nel tuo corpo vi è un alto livello di zuccheri nel sangue.

Come controllare il livello di zuccheri al mattino

Una volta che sei sicuro di cosa stia causando il picco di zuccheri nel sangue, devi prendere misure in modo da controllare il tuo stato di salute.  Ti consigliamo sempre di rivolgerti al tuo medico di base e valutare insieme la situazione; vi sono due modi di intervenire a seconda che si tratti di fenomeno dell’alba o di effetto Somogyi. (Leggi anche: Diabete: le persone più basse maggiormente a rischio di svilupparlo. Uno studio svela perché)

Per il fenomeno dell’alba occorre:

  • modificare i tempi o il tipo di farmaci per il diabete
  • fare una colazione più leggera
  • aumentare la dose mattutina di farmaci

(Leggi anche: Colazione per diabetici, mangiare con gusto tenendo bassa la glicemia)

Per l’effetto Somogyi, invece, bisogna:

  • diminuire la dose di farmaci per il diabete durante la notte
  • aggiungere uno spuntino carico di carboidrati prima di coricarsi
  • modificare il programma di allenamento

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti potrebbe interessare:

 

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook