Sindrome di Down: siamo tutti uguali, siamo tutti diversi (#GNPD2016)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si celebra domenica 9 ottobre la Giornata nazionale delle persone con sindrome di Down promossa da CoorDown (#GNPD2016), quest’anno dedicata a tutti quei ragazzi che, grazie al supporto delle famiglie e della comunità nella quale vivono, sono riusciti a crearsi una personale dimensione di autonomia.

E allora ci sono Andrea, Gragor, Martina, Francesco e Laura assunti a tempo indeterminato al Milleluci Café di Firenze, o Elena e Spartaco che sono andati a vivere insieme. Ma ci sono anche Francesco che a Napoli lavora in un ristorante gourmet e Sara che lavora all’Apple Store. E mille altre storie simili.

LEGGI anche: SINDROME DI DOWN: 5 STORIE PER DIMOSTRARE CHE NELLA DIVERSITÀ C’È BELLEZZA E FORZA

Il messaggio, quindi, dell’iniziativa di quest’anno che prevede eventi in tutta Italia, è incentrato proprio sull’autonomia delle persone con sindrome di Down (o Trisomia 21) che, se adeguatamente seguite e supportate, possono raggiungere risultati importanti e duraturi per la loro vita indipendente.

In più di 200 piazze italiane (qui l’elenco) sarà possibile ricevere un “messaggio” di cioccolato – con cacao proveniente dal commercio equo e solidale – in cambio di un contributo per sostenere i progetti di autonomia delle associazioni aderenti al CoorDown e per garantire una migliore qualità della vita e un futuro più sereno alle persone con sindrome di Down. In alcune città la campagna di raccolta fondi inizierà già da sabato 8 e proseguirà anche nei giorni successivi.

sindrome down

LEGGI anche: LA BELLEZZA DEI BAMBINI CON SINDROME DI DOWN (FOTO)

“La piena inclusione delle persone con sindrome di Down passa anche dallo sguardo degli altri, dai pregiudizi della società e dalle possibilità che vengono loro offerte”, si leggehttp://www.coordown.it/www/article.php?id=961 sul sito dell’Associazione.

I fondi raccolti durante la Giornata saranno utilizzati per finanziare i progetti di autonomia organizzati sul territorio e dedicati a giovani e adulti con sindrome di Down.

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook