Le cucine plastic free che durano una vita

Fumo: così lo svapo modifica il DNA e aumenta il rischio di cancro proprio come le sigarette

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo una recente ricerca le sigarette elettroniche possono causare cambiamenti genetici e aumentare il rischio di tumori

Lo svapo viene spesso considerato come un’alternativa più sicura al fumo; infatti, sempre più spesso le sigarette elettroniche vengono consigliate ai fumatori come rimedio e strumento per riuscire a smettere di fumare. Tuttavia, ci sono stati diversi studi che hanno rilevato come le sigarette elettroniche siano dannose. (Leggi anche: Smettere di fumare: le sigarette elettroniche non aiutano)

Un recente studio è stato condotto da un team di ricercatori della University of Southern California, i quali hanno scoperto che gli stessi cambiamenti biologici causati dalle sigarette si verificano anche nei vapers che non hanno mai toccato una sigaretta classica.

Lo studio ha esaminato 82 adulti sani divisi in tre categorie: i vapers, le persone che fumano solo sigarette e un gruppo di controllo che non ha mai fumato o svapato. Hanno quindi analizzato i geni di tutti i partecipanti, e hanno cercato cambiamenti nella regolazione genica nelle cellule del sangue di ciascuno. Hanno prelevato, poi, campioni di sangue per determinare quanti geni corrotti c’erano nei vari gruppi.

Dopo aver tenuto conto dell’età e del sesso, hanno trovato un’associazione statisticamente significativa di geni danneggiati nei vapers, anche se non avevano mai fumato.

Questa ricerca, per la prima volta, indaga gli effetti biologici dello svapo negli adulti, tenendo conto contemporaneamente della loro passata esposizione al fumo. I dati ottenuti hanno indicato, quindi, che lo svapo, proprio come il fumo, è associato alla disregolazione dei geni mitocondriali e all’interruzione dei percorsi molecolari coinvolti nell’immunità e nella risposta infiammatoria che governano la nostra salute.

La ricerca ha scoperto, inoltre, che il 12% dei geni colpiti nei vapers si trovava nei mitocondri, ossia le parti delle cellule che secondo gli scienziati possono aiutare a mantenere il sistema immunitario in funzione in modo efficace, e prevenire lo sviluppo di cancro e altre malattie e patologie a carico del sistema cardiovascolare.

Questa analisi si affianca a ciò che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha affermato l’anno scorso, ossia che questi dispositivi elettronici per il fumo sono indubbiamente dannosi.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Nature

Ti potrebbe interessare:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook