Sigarette elettroniche: la nicotina aspirata minima?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sigarette elettroniche. La quantità di nicotina aspirata con le e-cig sarebbe minima rispetto a quella inalata attraverso le tradizionali “bionde”. È quanto emerge da uno studio presentato oggi a Napoli dalle industrie italiane Ovale, produttori e distributori di sigarette elettroniche a livello mondiale, e realizzato dal laboratorio americano Arista Laboratories.

Secondo la ricerca, utilizzando per dieci aspirazioni della più potente sigaretta elettronica, dunque, quella con maggiore capacità di erogazione, e la più alta concentrazione di nicotina (16 milligrammi), si respira ogni 10 “boccate” un contenuto complessivo di nicotina pari a 0,3mg per ml, mentre per una sigaretta classica il livello è di 0,9 mg per ml. In pratica la nicotina effettivamente inalata dagli svapatori è pari al massimo a un terzo della tradizionale sigaretta.

“I dati dimostrano come ci sia una forte disinformazione su questi strumenti che, invece, costituiscono un valido alleato nella lotta al tabagismo. L’emendamento che prevede la tassazione di tutti i prodotti e-cig del 58,4 per cento è assurda e metterebbe in ginocchio un sistema che si propone come alternativo al fumo”, spiega Riccardo Ascione, ad di Ovale Europe.

Ma i liquidi utilizzati sono sicuri? Analizzando quelli di Ovale, il Dipartimento di chimica dell’Università Federico II di Napoli, con uno studio commissionato dal settimanale Il Salvagente, assicura che le sostanze non sono dannose. “La verifica – ha aggiunto Marco Trifuoggi, docente di chimica analitica – è stata fatta sulla presenza di quantità tangibili di metalli quali arsenico, manganese, cromo, vanadio, piombo e abbiamo verificato che la loro presenza può essere esclusa fino ai limiti di rilevabilità strumentale e, soprattutto, fino ai limiti di rilevabilità compatibili con normali prodotti per questo uso“. Certo è che, a priori, smettere di fumare o svapare del tutto sarebbe certamente la scelta migliore.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Sigarette elettroniche, aiutano davvero a smettere di fumare

Sigarette elettroniche: metalli pesanti nei liquidi

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook