Sei super sensibile ai rumori? Sei un genio!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I rumori non sono fatti per i geni. Chi è dotato di un particolare acume, infatti, sopporta a malapena qualsiasi tipo di frastuono ed è sensibile anche ai minimi rumori, ma ciò potrebbe renderlo più creativo. Sei avete l’udito ipersensibile, insomma, avete anche il dono della genialità.

A sostenerlo è una ricerca americana della Nortwhstern University di Evanston, secondo cui che chi ha un udito molto sensibile è in genere più creativo e brillante.

Chi riesce a percepire anche i più piccoli rumori oppure prova particolare fastidio per quelli troppo forti, in buona sostanza, sarebbe più sveglio e intuitivo nella media rispetto agli altri.

Per giungere a queste conclusioni, i ricercatori hanno sottoposto ad alcuni test 100 volontari per analizzarne le capacità acustiche. Esaminando sia le capacità di udire rumori sia le rispettive capacità creative dei partecipanti, è emerso che chi avverte sonorità non facili da cogliere presenta delle particolari doti creative e chi è particolarmente sensibile ai suoni è più reattivo agli stimoli esterni e più facilitato nel prendere decisioni e trovare delle soluzioni.

Quella di avere un udito particolarmente acuto e sensibile e, di conseguenza, una creatività fuori dal comune, è una facoltà che “se incanalata nella direzione giusta, può rendere la vita più ricca e significativa“, spiegano gli autori della ricerca.

Ovvio, lo dicono a noi, che col riciclo creativo e il riuso produttivo ci andiamo a nozze ogni giorno. Ma come la mettiamo con l’inquinamento acustico? Ogni giorno il rumore del traffico, i frastuoni notturni, i condizionatori d’aria, che sono sempre sopra i decibel fissati dalla normativa, e poi ancora cuffie sparate nelle orecchie e mezzi di trasporto di ogni sorta, peggiorano la qualità della nostra vita. Insomma, in mezzo a tutto questo fracasso io di geni ne vedo ben pochi…

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook