@Bialasiewicz/123rf

5 segnali che rivelano come il tuo cervello non sia in salute (e come rimediare)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La salute del cervello è fondamentale per una vita sana e felice. Ecco i segnali rivelatori a cui prestare attenzione

La salute del cervello è molto importante, soprattutto con l’avanzare dell’età. Si prevede che il numero di persone che vivono con demenza in tutto il mondo triplicherà entro il 2050, poiché la popolazione invecchia e l’aspettativa di vita aumenta. Sebbene al momento non ci sia una cura per la demenza, diversi studi hanno scoperto che si può agire per mantenere il cervello sano.

Ma quali sono i segnali a cui prestare attenzione, rivelatori della salute del cervello? Scopriamolo insieme.

Sei cronicamente solo

Restare soli può mettere in pericolo la salute del cervello. La solitudine sembra causare una reazione di stress nel corpo che, nel tempo, può indebolire il cuore, il sistema immunitario e il cervello. L’isolamento sociale e la solitudine hanno impatti negativi sulla salute al pari dell’obesità, dell’inattività fisica e del fumo, e sono associati a un aumento del rischio di demenza di circa il 50%. Uno studio del 2019 su oltre 11.000 persone che hanno preso parte a ELSA ha rilevato come coloro che hanno riportato un isolamento sociale superiore alla media abbiano sperimentato un declino superiore alla media della funzione della memoria entro due anni dall’indagine.

Non dormi abbastanza

Il sonno è incredibilmente importante per il benessere del cervello, poiché durante le ore di riposo questo si autopulisce, eliminando proteine ​​e rifiuti che possono portare alla demenza.

Non dormire a sufficienza aumenta, quindi, il rischio di intorpidimento e demenza. La quantità e la qualità del sonno hanno profondi impatti fisiologici, che influiscono sul nostro pensiero quotidiano, sulla memoria e sull’umore, nonché sul rischio a lungo termine di declino cognitivo. Gli esperti raccomandano agli adulti da sette a nove ore di sonno di qualità ogni notte. (Leggi anche: Un breve sonnellino pomeridiano migliora le capacità cognitive e tiene lontano l’Alzheimer)

Non ti stai allenando

Se non ti alleni regolarmente, non stai solo mettendo in pericolo il tuo cuore e il tuo girovita. Uno stile di vita sedentario è stato associato ad un aumentato rischio di demenza e malattie cardiovascolari come l’ictus. Secondo gli esperti, ad esempio, camminare a passo svelto per 30-60 minuti, da tre a cinque volte alla settimana, può portare miglioramenti nello stato di salute del cervello.

Alimentazione sbagliata

Studi recenti suggeriscono che il concetto di “cibo per la mente” non è affatto un mito; infatti, vi sono diversi alimenti in grado di tutelare la salute del cervello, in particolare quelli ricchi di alcuni antiossidanti e altri composti neuroprotettivi.

Alcuni studi mostrano che le persone che consumano più fitonutrienti, detti flavonoidi, hanno un minor rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer. Queste sostanze naturali sembrano proteggere il cervello dalle lesioni. (Leggi anche: La buccia di limone migliora la memoria (e potrebbe aiutare i malati di Alzheimer). Lo studio)

Non hai un obiettivo

Quando ti senti alla deriva anche il cervello può risentirne. Uno studio a lungo termine ha scoperto che le persone che avevano un obiettivo nella vita avevano meno probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer, rispetto alle persone senza uno scopo. 

Preservare un senso sembra mantenere il cervello sano. L’importante è mantenersi attivi e impegnati, infatti, alcuni studi hanno scoperto che il volontariato, il tutoraggio e l’assunzione di lezioni sono tutti modi efficaci per sentirsi parti di un qualcosa, e preservare la salute del cervello.

Leggi: Perché dovresti fare più spesso i cruciverba

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Alzheimer’s Research UK

Ti potrebbe interessare:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Schär

Schär, alla scoperta di un mondo fatto di cereali e qualità

Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook