Scabbia nelle scuole, allarmismo e disinformazione. I casi ci sono, ma non c’è da preoccuparsi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Casi di scabbia nelle scuole: attivati i protocolli per le malattie infettive, ma c’è da preoccuparsi?

Da metà novembre ad oggi continuano a registrarsi casi di scabbia in alcune scuole del Nord. Dopo il caso della Don Minzoni a Rifredi, Firenze, e dopo il caso alla scuola media di Cambiago, a Milano, pare sia la volta del modenese. Qui, anche due bambini sarebbero stati colpiti da scabbia.

Si tratta di due casi registrati a Bomporto e Sassuolo, secondo quanto riferisce l’azienda sanitaria di Modena, precisando che si tratta di minorenni. In particolare, il primo caso è stato segnalato alla Pediatria di comunità e al Servizio igiene pubblica dell’Asl di Modena.

Nella nota dell’azienda sanitaria locale si legge: “La trasmissione nelle comunità scolastiche è un evento molto raro: al 9 novembre 2018, infatti, i casi di scabbia segnalati in minori che frequentano istituti scolastici del territorio si attestano intorno allo 0,02% sul totale della popolazione della provincia di Modena tra 0 e 14 anni, vale a dire circa un caso ogni 4000 bambini. Ciononostante, a scopo di estrema cautela e considerata l’imminenza delle festività natalizie, la Pediatria di Comunità ha offerto il controllo dermatologico a scuola dei bambini”.

Due “allarmi” che seguono a un altro, sempre nel modenese, che riguardava un minorenne di un istituto scolastico di Maranello.

Come previsto dai protocolli per le malattie infettive, in tutti i casi sono state informate le famiglie degli alunni.

Ma c’è da preoccuparsi?

La scabbia è una malattia della pelle caratterizzata da sintomi come bolle, vescicole e prurito e provocata da un parassita molto piccolo che si inocula sotto la pelle del soggetto colpito provocando un intenso rush. Ma quel che deve sollevare è il fatto che il rischio di contagio è basso, essendo la scabbia un’infestazione che si trasmette con rapporti stretti. In ogni caso, è bene sapere che il contagio avviene per contatto diretto con una persona già affetta da scabbia o con qualche oggetto o indumento dove si trovano i parassiti.

Cosa fare nel caso si abbiano sospetti:

– segnalare il sospetto caso al proprio medico di base o direttamente al dermatologo
– in caso di sospetto o certezza diagnostica deve essere effettuata, da parte del medico, la segnalazione al Servizio di Igiene Pubblica

Una volta accertata, la scabbia è sì particolarmente fastidiosa, ma la cura è di relativa semplicità e facilmente gestibile.

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook