©P_galasso2289/Shutterstock

Da oggi 30mila saturimetri saranno distribuiti gratuitamente nelle farmacie: a cosa servono e chi ne ha diritto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A partire da oggi 11 gennaio, 30mila saturimetri verranno distribuiti gratis nelle farmacie di tutto il territorio nazionale. In tempi di pandemia, infatti, è risultato quanto mai fondamentale valutare l’ossigenazione nel sangue per accorgersi tempestivamente delle prime difficoltà respiratorie che possono essere legate a una infezione da Sars-Cov-2. Si punta a distribuire gli strumenti nell’arco di 1 o 2 mesi.

Soprattutto per alcune categorie di persone è diventato in effetti utilissimo l’utilizzo del saturimetro, un alleato prezioso per prevenire (anche) le complicanze gravi da Covid-19. È ai soggetti con malattie respiratorie, infatti, che i saturimetri verranno in prima istanza distribuiti.

Proprio il ridotto livello di ossigeno nel sangue, causato da disturbi respiratori e che il saturimetro è in grado di rilevare, è indice del rischio di polmonite interstiziale che rappresenta una complicanza grave del Covid-19.

Cos’è il saturimetro

Il saturimetro (o pulsiossimetro o ossimetro) è un dispositivo che permette di valutare a casa la saturazione di ossigeno dell’emoglobina presente nel sangue arterioso periferico (l’SpO2) e, allo stesso tempo, di misurare la frequenza cardiaca di un individuo. Basta inserire il dito nell’aggeggio e il led illuminerà la parte centrale dell’unghia: dopo pochi attimi viene letta e indicata la saturazione di ossigeno e la frequenza cardiaca.

La saturazione di ossigeno nel sangue è un indice ematico che permette di stabilire il grado di funzionalità respiratoria di un soggetto. Quanto ai valori della saturazione, quando sono superiori al 95% sono da considerarsi normali. Se il paziente presenta valori inferiori al 95%, si è in presenza di una condizione di ipossiemia. La situazione è grave quando invece i valori sono uguali o inferiori all’85%. L’uso del saturimetro, nel caso di pazienti con Covid-19, è fondamentale per valutare la funzionalità respiratoria, il cui peggioramento può legarsi proprio a gravi complicanze dell’infezione da Sars-Cov-2.

A chi andrà?

Il saturimetro verrà distribuito in questa prima fase ai pazienti con asma e bpco, ma nel momento in cui scriviamo le farmacie ancora non conoscono le modalità di distribuzione. Sapremo fornire più dettagli nei prossimi giorni.

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook