Sangue nelle feci: tutte le possibili cause

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La presenza di sangue nelle feci non è certo un segnale da sottovalutare. E se le emorroidi o le ragadi rientrano tra le cause più “blande” di un sanguinamento rettale, ci sono anche altri motivi talvolta decisamente più gravi per cui potrebbe presentarsi questo particolare tipo di problema. Per questo, in ogni caso, è sempre necessario rivolgersi al proprio medico.

Una prima distinzione che in genere si fa in prima analisi è quella che si basa sul colore del sangue stesso: se il sangue è di colore rosso scuro o nero pece, è possibile si tratti di un cancro al colon retto. Se, invece, il sangue è rosso vivo, le perdite si verificano raramente e le cause possono essere molteplici. In ogni caso, nessun allarmismo, ma un consulto medico e determinate analisi.

LEGGI anche: RIMEDI NATURALI PER TUTTI I DISTURBI PIÙ COMUNI

Sangue nelle feci, la diagnosi

A fare un’accurata diagnosi non può essere altri che il medico, che andrà innanzitutto a verificare la eventuale presenza di ragadi o di emorroidi esterne. Dovrà poi esplorare l’ano alla ricerca di eventuali anomalie nella zona inferiore del retto e dell’ano stesso.
Se si ritiene opportuno, si procede a una colonscopia, un esame dell’interno il colon effettuato sotto sedazione. In alternativa potrebbe essere prescritta una sigmoidoscopia, utile per valutare la presenza di emorroidi interne o ragadi anali.

Sangue nelle feci, le cause

Tra le cause del sanguinamento anale, le emorroidi sono senza dubbio le più diffuse. Esse sono il rigonfiamento dei vasi sanguigni che si trovano nell’ano e nel retto e possono essere interne o esterne. Anche le ragadi anali possono provocare sanguinamento e sono dovute alla stitichezza e all’eccessiva durezza delle feci o a infiammazioni dell’ano o diarrea. Ci sono poi altre cause come la proctite, i polipi, il tumore del colon-retto o le ulcere rettali.

Sangue nelle feci ed emorroidi

Le emorroidi sono la più frequente causa di sangue nelle feci, non danno dolore ma solo un enorme fastidio. In questo caso, il sangue fuoriesce solo durante l’evacuazione. Le emorroidi sono a loro volta causate da diarrea o stitichezza, ma anche dall’abitudine a sollevare spesso pesi o a restare seduti per un lungo periodo di tempo o dalla gravidanza.

LEGGI anche: EMORROIDI INTERNE ED ESTERNE: CAUSE, SINTOMI E CURE

Sangue nelle feci e ragadi anali

Piccoli tagli sulla mucosa anale provocati da una durezza eccessiva delle feci, da stitichezza (in questo caso in genere si consiglia semplicemente l’assunzione di integratori di fibre e di lassativi ammorbidenti) o da diarrea o anche da un’infiammazione. Il problema delle ragadi è che non solo favoriscono il sanguinamento rettale, ma durante l’evacuazione spesso danno origine a un dolore molto forte che resta tale anche nei momenti successivi.

LEGGI anche: RAGADI ANALI: SINTOMI E RIMEDI NATURALI PER ALLEVIARE I FASTIDI

Sangue nelle feci e polipi

I polipi che si sviluppano sulla parte interna del colon sono tumori benigni (da rimuovere tuttavia) nella maggior parte dei casi asintomatici. L’unica cosa è che potrebbero dar luogo a del sangue delle feci se si trovano nella zona inferiore del colon e del retto.

Sangue nelle feci e diverticolite

Dolori addominali, febbre, dissenteria, brividi, nausea, vomito e anche sanguinamento sono i sintomi della diverticolite, che è il rigonfiamento dei diverticoli, piccole sacche che si trovano nel rivestimento dell’intestino crasso e del colon. Un regime alimentare più ricco di fibre potrebbe aiutare a risolvere il problema.

Sangue nelle feci e proctite

La proctite è un’infiammazione della mucosa del retto e tra i sintomi più comuni c’è proprio il sanguinamento rettale, oltre a dolore nella zona dell’ano e al passaggio di muco dal retto.

Riassumendo, il sangue nelle feci può essere dovuto a:

Altre cause di sangue nelle feci:

  • ulcere
  • ascesso perianale
  • anemia
  • tifo
  • salmonella
  • gonorrea
  • colite
  • clamidia
  • cirrosi epatica
  • tumore cervice uterina
  • insufficienza renale
  • ebola
  • morbo di Chron

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook