Ruta graveolens, una pianta mediterranea contro il tumore al cervello?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli estratti di Ruta graveolens, un arbusto tipico del clima mediterraneo, potrebbero avere effetti benefici nel rallentare e bloccare la progressione del tumore al cervello.

Lo evidenzia uno studio dell’Università di Napoli che ha deciso di approfondire l’efficacia antitumorale degli estratti di questa pianta. La Ruta graveolens potrebbe riuscire a fermare il progresso del glioblastoma multiforme, un grave tumore al cervello.

I dati parlano chiaro. Secondo gli esperti dell’Università di Napoli soltanto il 5% dei pazienti colpiti da glioblastoma multiforme sopravvive nonostante la terapia chirurgica, la radioterapia e la chemioterapia.

Ora la scienza si sta dunque rivolgendo ad altri rimedi e ha al momento scoperto che gli estratti di Ruta graveolens risultano efficaci in vitro. Saranno necessari ulteriori ricerche per comprendere quali effetti potrebbero avere direttamente sui pazienti.

La Ruta graveolens è meglio conosciuta come ruta comune. È diffusa in Italia e cresce spontanea al di sotto dei 1000 metri di altitudine. Negli usi tradizionali viene utilizzata in piccole quantità per aromatizzare pietanze culinarie e per preparare la grappa. A grandi dosi gli estratti di ruta sono perà tossici per il fegato e possono daneggiare i reni.

Lo studio in questione è stato pubblicato su Plos One. La ricerca è stata coordinata da Luca Colucci d’Amato ed è stata finanziata dal Network per la salvaguardia e la gestione delle risorse genetiche agroalimentari Agrigenet e dal Progetto sicurezza, sostenibilità e competitività nelle produzioni Agroalimentari della Campania.

Gli esperti dovranno comprendere se sarà possibile somministrare in qualche modo ai pazienti gli estratti di Ruta graveolens, se risulteranno efficaci e in quali dosi. Infatti la Ruta graviolens se assunta in eccesso è tossica per il fegato, può causare vomito, dolori gastrici e anche la morte. In vitro l’estratto di Ruta graveolens sarebbe in grado di distinguere tra cellule sane e malate, distruggendo solo le cellule tumorali.

I ricercatori che si sono occupati dello studio sottolineano comunque che le sostanze naturali rappresentano una fonte importante di nuove molecole con attività terapeutica nel caso di molte malattie, compreso il cancro.

Marta Albè

Fonte foto: wikimedia.org

Leggi anche:

Cannabis efficace contro il tumore al cervello, la conferma dell’FDA

Protonterapia: in cosa consiste la terapia alternativa che avrebbe fatto guarire il bimbo inglese dal tumore al cervello

Cellulari: in 10 anni aumenta il rischio di tumore al cervello

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook