Ritirate 13 tinture per capelli in Svizzera (anche di provenienza italiana)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Svizzera e precisamente a Basilea è stato ordinato il ritiro di 13 tinte per capelli, di cui 9 henné. I prodotti incriminati contenevano al loro interno pigmenti e conservanti vietati, di conseguenza utilizzarli può mettere in pericolo la salute dei consumatori.

Il laboratorio cantonale di Basilea, in collaborazione con i cantoni di Argovia, Berna e Zurigo, ha analizzato 19 tinte per capelli permanenti, 18 tinture leggere (cachet), 12 coloranti all’hennè e 2 agenti ossidanti per un totale di 51 prodotti di bellezza di varia provenienza (soprattutto Regno Unito, India, Francia ma anche Italia).

Dai risultati, come si legge da fonti locali che non rendono però note le marche incriminate, si è visto che più del 40% di questi trattamenti conteneva qualcosa di anomalo:

  • Due tinte di provenienza inglese presentavano pigmenti vietati o sconosciuti
  • Una colorazione permanente francese aveva tracce di un conservante vietato
  • Alcuni coloranti a base di Hennè superavano i valori limite consentiti
  • Due prodotti (uno turco, l’altro indiano) contenevano un colorante per capelli vietato
  • 6 prodotti non contenevano sostanze accoppianti e di conseguenza le tinture potevano arrecare danni
  • Diversi prodotti non riportavano dati corretti in etichetta o si servivano di pubblicità ingannevole

Considerato tutto ciò, il laboratorio di Basilea, ha avvertito i consumatori che utilizzare tinte e coloranti che non rispettano i requisiti di legge, può arrecare seri danni alla salute.

Le tinture per capelli sono spesso nel mirino dei test dato che si tratta di prodotti che, anche quando a norma, si presentano ricchi di sostanze chimiche. Non da molto vi abbiamo parlato ad esempio dei risultati del test della rivista francese 60 Millions de Consommateurs che ha messo la lente di ingrandimento su 16 marchi di tinte fai-da-te, di cui solo 6 sono risultate prive di sostanze tossiche.

Anche la rivista il Salvagente, proprio questo mese, ha pubblicato un test realizzato su 12 tinture valutando quelle che funzionano bene senza utilizzare troppa formaldeide, allergeni o altre sostanze chimiche potenzialmente dannose.

Facciamo sempre attenzione a quello che acquistiamo e, anche per la bellezza dei nostri capelli, orientiamoci il più possibile su soluzioni naturali e di buona qualità.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook