Tatuaggi: si cancellano solo con il laser, il liquido Skinial e’ pericoloso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tante persone hanno sul corpo uno o più tatuaggi, fatti realizzare in un momento importante della propria vita, che ricordano qualcosa o qualcuno oppure scelti semplicemente per gusto estetico. Capita però in alcuni casi di stufarsi e volerli togliere. Quali sono le possibilità per eliminarli? Il laser è certamente la prima opzione ma fino a poco tempo fa c’era anche il liquido Skinial, recentemente messo al bando in quanto pericoloso.

Secondo i dati del congresso nazionale della Società italiana di medicina estetica, in Italia sono circa un milione e mezzo le persone tatuate e una su tre prima o poi si stancherà e vorrà rimuovere il tatuaggio soprattutto nel caso riguardi calcio, idee politiche e nomi di amori finiti. Per rimuovere i tatuaggi, evitando il laser, veniva utilizzato un liquido chiamato Skinial di origine tedesca ma prodotto anche in Italia da una ditta torinese.

Su questo prodotto però, a seguito di una segnalazione, è intervenuta l’autorità giudiziaria che nella persona del Pm Raffaele Guarinello ha dichiarato la sostanza assolutamente pericolosa: “perché come riporta il pittogramma della confezione è corrosivo e riporta l’indicazione che causa irritazione alla pelle” ciò ovviamente “risulta in netto contrasto ed è’ incompatibile con l’uso prescritto che consiste nell’inoculare l’acido nel derma provocando un effetto necrotizzante“.

Il liquido, infatti, per fare il suo effetto doveva essere iniettato sotto il derma in modo tale da sciogliere i pigmenti di colore del tatuaggio. Tra l’altro è “estremamente irritante per occhi e cute, con un’azione depigmentante che si basa sull’effetto esfoliante accompagnato da intensa irritazione della pelle, un effetto necrotizzante che riguarda qualsiasi cellula cutanea, con il rischio che un’infezione possa degenerare in granulomi epidermici. Inoltre il colorante se non rimosso viene ricompreso nell’epidermide e dunque il tatuaggio non viene affatto tolto“.

A seguito di ciò il Ministero ha deciso di vietare la commercializzazione di questo prodotto venduto tra l’altro al pari di un comune cosmetico ma in realtà pericoloso e fuori legge secondo le normative europee.

L’unico modo di eliminare uno o più tatuaggi sgraditi rimane dunque il laser, la cui terapia va fatta eseguire solo da centri di medicina estetica autorizzati.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– Tumori, un tatuaggio all’henné per ridare un sorriso alle donne

– Il ragazzo con il tatuaggio dello scontrino del Mc Donald’s sul braccio

– La storia del cane tatuato che indigna New York

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook