Ministero della Salute richiama 8 lotti di Coca Cola per la presenza di frammenti di vetro nelle bottiglie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Richiamati 8 lotti di Coca Cola, di cui 7 Original Taste e 1 Zero Zuccheri, per la presenza di possibile presenza di filamenti di vetro nella bevanda, lo ha comunicato il Ministero della Salute, che raccomanda di fare attenzione e di non berla.

I lotti interessati, che vi elenchiamo di seguito, sono prodotti nello stabilimento Coca Cola HBC Italia di Nogara, Verona, e sono in vendita nella confezione da 6 bottiglie da 20 cl:

Oltre a quelli elencati è stato ritirato un lotto di Coca-Cola Zero Zuccheri, L 200219 con scadenza 10.07.2020.

Per provvedere alla sostituzione delle bevande, qualora si scoprisse di averle acquistate verificando il numero di lotto e la scadenza, il Ministero della Salute ha comunicato di chiamare il numero verde 800.534.934.

FONTI: Ministero della Salute

Ti potrebbe interessare anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook