Coronavirus: riapriamo l’Ospedale Forlanini di Roma. La petizione dei cittadini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Negli anni Trenta era la più grande struttura ospedaliera d’Europa, ma ormai è chiusa dal 2015. Si tratta dell’Ospedale “Forlanini” di Roma, a due passi dallo Spallanzani e in passato appartenente allo stesso polo ospedaliero insieme al San Camillo. “Ora bisogna riaprirlo”, perché potrebbe tornare utile per far fronte all’emergenza Coronavirus.

La richiesta, giunta alla regione Lazio anche da varie forze politiche, è contenuta in una petizione lanciata su Canhge.org e firmata, nel momento in cui scriviamo, da quasi 30mila persone.

“In conseguenza della situazione emergenziale derivante dalla diffusione del Coronavirus, chiediamo la riqualificazione e la riapertura immediata dei servizi medici presso l’Ospedale Forlanini di Roma”, si legge nel testo.

La struttura sanitaria (intitolata al medico milanese collaboratore di Koch che nel 1882 isolò il bacillo della tubercolosi) un tempo eccellenza specifica per le malattie polmonari, è stata chiusa nel 2015 per proclamata insostenibilità della spesa, in relazione all’effettiva utilità dei servizi resi, come stimata al tempo.

Allo stato attuale, che vede questa utilità impennarsi per la straordinaria insorgenza dell’epidemia di Covid-19, la richiesta è quella di riabilitare questo polo sanitario, affinchè torni a svolgere in tempi brevissimi la vitale funzione per la quale venne creato.

Nel Lazio sono 125 i casi risultati positivi al Covid-19, mentre 5.124 persone, in totale, sono in sorveglianza domiciliare, come emerge dal report delle Aziende sanitarie locali. Sono invece 81 i ricoverati per Coronavirus all’ospedale Spallanzani di Roma. I pazienti positivi sono 60 e, di questi, 10 si trovano in terapia intensiva

Ci auguriamo di no, ma i numeri potrebbero aumentare, purtroppo…

Per firmare la petizione clicca qui

Fonte: Change.org

Leggi anche:

Coronavirus: vietati pizze a domicilio e cibo da asporto in Campania

 

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook