Antibiotico resistenza: scoperto il sistema con cui i batteri si scambiano informazioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Abbiamo parlato più volte del problema della sviluppata da alcuni ceppi batterici, fenomeno che preoccupa gli scienziati di tutto il mondo impegnati, attraverso la ricerca, a trovare una soluzione che metta al sicuro le persone dalle conseguenze di questa situazione sulla salute umana. Si iniziano ora a vedere i primi risultati: una nuova ricerca inglese ha infatti individuato il meccanismo che utilizzano i batteri per scambiarsi le informazioni genetiche e diventare così antibiotico-resistenti.

La ricerca, condotta dall’Università londinese Birkbeck in collaborazione con l’University College London (UCL) e finanziata dalla fondazione Wellcome Trust, per la prima volta è riuscita ad individuare il processo di secrezione batterica di tipo IV, composto di un meccanismo di secrezione e una struttura molecolare che si differenziano dagli altri sistemi fino ad oggi osservati. In parole povere si tratta della capacità dei batteri di isolare il materiale genetico, spostandolo e muovendolo sulla parete cellulare in modo tale poi da poterlo condividerlo con gli altri batteri.

Il meccanismo si svolge nella membrana cellulare interna ed esterna collegate da una sorta di penducolo che attraversa lo spazio compreso tra di esse (periplasma). Sia nella membrana interna che esterna ci sono pori che permettono la secrezione di sostanze.

È proprio grazie a questo meccanismo che i batteri riescono a passarsi le informazioni genetiche che riguardano la resistenza agli antibiotici. Ma non solo, sembra che lo stesso sistema permetta anche la secrezione di tossine che avviene durante le infezioni batteriche causa di ingenti danni alla salute (ulcera, pertosse o polmoniti gravi).

Per raggiungere questo risultato i ricercatori, guidati dal professor Gabriel Waksman, hanno utilizzato dei sofisticati microscopi elettronici osservando come il sistema agiva nel caso dell’Escherichia Coli, uno dei batteri antibiotico resistenti.

Questo studio, pubblicato su Nature, è un primo passo fondamentale per poter arginare il fenomeno della resistenza agli antibiotici che nei prossimi anni potrebbe diventare una grave minaccia per la popolazione umana. Svelato il meccanismo, ancora in parte da approfondire, bisogna ora trovare nuovi composti in grado di fermare il processo di secrezione IV e arrestare così la diffusione di geni che portano in sè le informazioni di antibiotico resistenza.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– Resistenza agli antibiotici in aumento: fondamentale un corretto utilizzo

Batteri resistenti agli antibiotici? Nascono negli allevamenti

Batteri: ecco come la resistenza agli antibiotici si propaga attraverso l’ambiente

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook