Come fermare il raffreddore… con una molecola

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Starnuti addio? Scoperta la molecola in grado di sconfiggere il raffreddore. Se esiste un’arma contro il virus dell’influenza, probabilmente si cela proprio in una particella infinitesimale che impedirebbe ai batteri di invadere le cellule.

A scoprirlo è un nuovo studio dell’Imperial College London, secondo cui quella molecola sarebbe in grado di bloccare completamente più ceppi di virus del raffreddore, rendendo quindi possibile per il futuro anche la creazione di un farmaco specifico utile se somministrato all’inizio di un’infezione.

Se il più comune dei raffreddori trova la sua causa in una famiglia di virus con centinaia di varianti, ciò rende quasi impossibile la creazione di una sorta di immunità e altamente improbabile l’idea di vaccinarsi contro tutti loro. In più, si tratta di virus che si evolvono rapidamente, il che significa che possono rapidamente sviluppare resistenza ai farmaci.

Per questo non riusciamo tanto a curare un raffreddore, quanto, piuttosto, a trattare i suoi sintomi dell’infezione, come naso che cola, mal di gola e febbre.

Ora, secondo il team di ricercatori inglesi, la molecola scoperta sarebbe capace di bloccare completamente più ceppi di virus del raffreddore, puntando alla cosiddetta N-miristoiltransferasi (Nmt), una proteina delle cellule umane, quella che i virus “sequestrano” per costruire il guscio proteico, o capside, che protegge il loro genoma. E, dal momento che tutti i ceppi hanno bisogno di questa stessa proteina umana per creare nuove copie di se stessi, la molecola potrebbe essere un jolly, cioè dovrebbe essere efficace contro tutti e, anzi, agire anche contro altri virus della stessa famiglia del raffreddore (come, per esempio, bocca-mani-piedi).

Il comune raffreddorespiega il ricercatore principale Ed Tate del Dipartimento di chimica dell’Imperial – è per la maggior parte delle persone un semplice inconveniente, ma può causare gravi complicazioni a chi soffre di disturbi quali ad esempio l’asma e la Bpco. Un farmaco come questo potrebbe essere estremamente utile se somministrato all’inizio dell’infezione e stiamo lavorando per creare una versione che possa essere inalata, in modo che arrivi rapidamente ai polmoni“.

Si tratterebbe, inoltre, di un medicinale che non avrebbe effetti collaterali tossici.

Per ora, i ricercatori hanno dimostrato che la nuova molecola ha completamente bloccato molti ceppi del virus del raffreddore senza colpire le cellule umane, ma saranno necessari altri studi per assicurarsi che effettivamente non sia tossica nell’organismo.

Leggi anche:

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook