Già 100mila italiani con febbre, raffreddore e mal di gola a causa degli sbalzi termici. Come difenderci?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E’ solo ottobre e già combattete contro febbre, raffreddore e mal di gola? Sappiate che non siete soli! Sono già circa 100mila gli italiani nelle vostre stesse condizioni a causa degli sbalzi termici e il bilancio è destinato a raddoppiare la prossima settimana.

Questo inizio di autunno ha visto un’alternanza delle temperature davvero poco salutare per il nostro organismo, il che sta rendendo ancora più difficile il già di per sé pesante cambio di stagione, esponendoci maggiormente all’azione di batteri e virus. È così che tante persone, in maniera anomala rispetto al periodo, si sono già ammalate.

Si tratta della conseguenza dell’azione di virus parainfluenzali che portano alla comparsa di febbre, raffreddore e mal di gola. Attualmente sono 100mila gli italiani a casa con i primi disturbi stagionali ma gli esperti prevedono che la prossima settimana saranno altri 140mila a seguirli.

Secondo il virologo Fabrizio Pregliasco, dell’università degli studi di Milano, sono ben 266 i virus respiratori che possono trovare terreno fertile nel nostro organismo proprio grazie agli sbalzi termici di quest’ultimo periodo che hanno visto le temperature alzarsi e poi abbassarsi di 5 ma anche di 10 gradi in pochi giorni (per non dire da un giorno all’altro).

Come ha spiegato:

“Freddo o caldo non conta, il virus viene aiutato dallo sbalzo termico in generale: la variazione di temperatura altera il rinnovo del muco degli alveoli, si tratta di un meccanismo di lavaggio fatto da cigli vibratili sulla parete respiratoria. Lo sbalzo di temperatura ferma il rinnovo del muco e così il virus entra e fa quel che vuole”.

C’è il rinovirus, molto comune che provoca raffreddore, e tanti altri che possono scatenare febbre, mal di gola, bronchiti, dolori articolari ma anche disturbi intestinali (non si è fatta attendere quest’anno neanche l‘influenza gastrointestinale).

Come precisano gli esperti, però, non si tratta ancora dell’influenza vera e propria che arriverà solo nelle prossime settimane. Il problema è che quest’ultima potrebbe coglierci già debilitati e quindi essere ancora più pesante del solito.

Come possiamo difenderci? Per quanto riguarda gli sbalzi di temperatura, è sempre valido il consiglio di vestirsi “a cipolla” tentando di arginare il problema vestendosi o svestendosi a seconda della temperatura da affrontare. Cerchiamo poi il più possibile di rafforzare le nostre difese immunitarie, utilizzando ad esempio dei rimedi naturali ma anche mangiando cibi sani e di stagione e facendo attività fisica.

A questo proposito leggi anche:

Se poi raffreddore e mal di gola già vi hanno colpito, ecco alcuni rimedi naturali che potreste sperimentare per combattere i sintomi e cercare di guarire più velocemente:

 

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook