Plastica: il PVC aumenta il rischio di obesità e diabete

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’esposizione alla plastica in PVC potrebbe aumentare il rischio di obesità e pre-diabete negli esseri umani. Un’ulteriore indagine ci mette in guardia, ancora una volta, dalle sostanze chimiche di diversi prodotti, che potrebbero giocare un ruolo chiave nell’insorgenza (anche) dell’obesità.

A dirlo è una nuova ricerca dell’Università della California, che punta il dito contro il cosiddetto dibutil stagno (DBT), una sostanza chimica presente nel PVC, colpevole proprio dell’obesità e di aumentare le possibilità di sviluppare il diabete, partendo da un’alterazione delle cellule staminali.

Il dibutil stagno è uno degli stabilizzanti plastici per PVC, ossia quei prodotti chimici a base di diversi composti organici o inorganici che conferiscono stabilità al calore e alla luce durante il processo di trasformazione della resina (polimero) in semilavorato o in manufatto.

Lo si trova per lo più in persiane, tubi dell’acqua e in telai di porte e finestre, ma anche in polvere domestica, tramite contaminazione alimentare e in dispositivi medici.

Durante analisi di laboratorio, i ricercatori americani hanno scoperto che le cellule staminali umane esposte utilizzate hanno mostrato un aumento dell’accumulo di grasso, affermando di contro che il monitoraggio dell’esposizione umana a queste sostanze chimiche non è attualmente condotto da alcuna agenzia di salute pubblica.

Non sappiamo davvero quanto siamo esposti a DBTspiega l’autore principale dello studio, Raquel Chamorro-García. Ma è in tanti materiali nelle nostre case e crediamo che la maggior parte delle persone siano esposte e che la sostanza chimica possa avere un impatto sul nostro attuale problema del diabete”.

I tassi di obesità sono aumentati negli ultimi decenni. Secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità, la prevalenza mondiale dell’obesità è quasi raddoppiata tra il 1980 e il 2008 e attualmente oltre il 50% delle persone in Europa è in sovrappeso o soffre di obesità. È per questo che con questo studio, gli esperti vorrebbero suggerire che anche l’esposizione umana al PVC dovrebbe essere misurata per capire come contribuisce all’obesità e per identificare i livelli e le fonti di esposizione che potrebbero essere ridotti o eliminati in futuro.

Non solo obesità

Il PVC, il famigerato cloruro di vinile, ha ahinoi già dimostrato di produrre una varietà di effetti sulla salute umana, in particolare se ci si espone attraverso l’inalazione.

Esiste, infatti, il rischio potenziale di danno epatico dall’esposizione cronica per inalazione e esposizione orale ed è elencato come cancerogeno umano di gruppo A dall’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti.

Gli ftalati utilizzati per ammorbidire il PVC, infine, interferirebbero con il sistema ormonale femminile, mentre il PVC rimane tossico se usato a contatto con alimenti.

Leggi anche:

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook