Ritiro protesi al seno anche in Italia: possono provocare il cancro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una tipologia di protesi mammarie potrebbe favorire la comparsa di una rara forma di cancro. Per questo il produttore Allergan ne ha annunciato il ritiro dall’Europa. In Italia erano state utilizzate e impiantate in Toscana.

Per l’Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari (ANSM, le protesi Microcell e Biocell di Allergan devono essere ritirate perché la certificazione di sicurezza non è stata rinnovata.

Le protesi causano il cancro?

Secondo quanto riportato da Reuters, le protesi, dalla superficie ruvida e comunemente usate in Europa e negli Stati Uniti, sono state collegate a un raro tipo di tumore noto come linfoma anaplastico a grandi cellule.

Dal 30 settembre 2017, la Food and Drug Administration americana aveva ricevuto 414 segnalazioni di linfoma anaplastico a grandi cellule associato all’impianto mammario, compresi 9 decessi. Secondo la FDA, 272 segnalazioni includevano informazioni sulla superficie degli impianti, con 242 della varietà ruvida.

Anche se l’agenzia francese ha dichiarato di non aver identificato alcun rischio sanitario immediato per le donne che hanno ricevuto gli impianti, ha raccomandato a novembre ai professionisti del settore medicale di preferire gli impianti lisci in attesa del parere di un comitato di esperti sull’uso di impianti in particolare per il seno con una superficie ruvida.

Questo comitato di esperti, che si riunirà il 7 e 8 febbraio 2019 e ascolterà pazienti, operatori sanitari e altre parti interessate.

Scaduto il marchio CE

L’ANSM ha reso noto in questi giorni che i dispositivi medici Allergan Microcell e Biocell (protesi mammarie e espansori tissutali) non hanno più il marchio CE dal 17 dicembre 2018. Il GMED, che non ha rinnovato la marcatura CE di questi dispositivi, ha richiesto ulteriori dati dal produttore.

D’ora in poi, quindi, questi dispositivi medici non potranno più essere commercializzati in Francia e in Europa e quelli nei magazzini delle strutture sanitarie dovranno essere ritirato. Solo dopo la riunione e il parere del comitato di esperti, l’ANSM prenderà una decisione sull’uso delle protesi mammarie.

E in Italia?

Anche il Ministero della salute ha reso noto il richiamo delle protesti mammarie testurizzate con Numero Riferimento: 304302. Intanto le donne a cui sono state impiantate saranno chiamate una a una e sottoposte a una visita di controllo per verificare lo stato generale di salute. Si deciderà anche se rimuovere le protesi mammarie Allergan. Sono migliaia le donne coinvolte in Toscana perché Allergan dal 2015 si era aggiudicata un bando di gara pubblico.

Dal canto suo l’azienda si difende dicendo che “la richiesta dell’Ansm e l’azione di ritiro non sono basate su alcuna nuova evidenza scientifica”.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook