Dal grafene il preservativo del futuro, più resistente e green

preservativo grafene

Il preservativo del futuro sarà in grafene? Fino a questo momento abbiamo sentito parlare di grafene soprattutto per quanto riguarda i pannelli solari. Si tratta di un materiale particolarmente resistente, adatto ad aumentarne l’efficienza e la sostenibilità, e pensato per sostituire il silicio. Ora dal grafene potrebbe nascere una nuova tipologia di preservativi.

La scoperta del grafene e delle sue applicazioni aveva permesso a Andre Geim e Konstantin Novoselov di vincere il Premio Nobel per la Fisica nel 2004. Questo materiale si adatterebbe particolarmente alla produzione di preservativi più sicuri. Risulta infatti nello stesso tempo flessibile e resistente.

Pare proprio che il nuovo preservativo, oltre ad essere più sicuro, permetterà agli uomini di amplificare le sensazioni piacevoli che i preservativi odierni non permettono di provare. Ma non si tratta dell’unico lato positivo. Il nuovo preservativo rappresenterà infatti un mezzo efficace per contrastare la diffusione dell’Aids. Il preservativo in grafene verrà realizzato dall’Università di Manchester, che ha ricevuto in proposito un premio da 100 mila dollari dalla fondazione Bill & Melinda Gates.

Dal puro grafene non è possibile realizzare direttamente i preservativi. Ecco dunque che verrà utilizzato come base per la creazione di uno speciale materiale in grado di garantire resistenza e conduzione del calore. I preservativi del futuro potranno essere più sottili e sicuri, senza mancare di elasticità e impermeabilità.

grafene

Il grafene sarà il futuro del condom? Questo materiale potrebbe rappresentare una delle nuove risorse con cui presto avremo a che fare nella nostra vita quotidiana, da un punto di vista molto intimo – come hanno spiegato gli esperti. Quindi non si parlerà più di grafene soltanto per i pannelli solari o per i display dei cellulari. A 400 anni dalla nascita del preservativo (ma pare che gli Egizi utilizzassero dei preservativi rudimentali già 1500 anni fa), ecco in arrivo una svolta inattesa. Riusciremo a dire addio al lattice e ad altri materiali poco sostenibili? In tal caso, dovremo aggiornare la nostra Guida all’ Eco Sesso.

Marta Albè

LEGGI anche:

Fotovoltaico da Premio Nobel grazie al grafene

Grafene: all’Enea si lavora alla plastica del futuro

Grafene, il materiale ecosostenibile del futuro

10 regali per i 10 anni di GreenMe

Scarica qui i regali che abbiamo scelto per te

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

San Benedetto

Come ridurre le emissioni dell’acqua minerale: il caso San Benedetto

Conto Deposito Esagon

Arriva il Conto Deposito che pianta gli alberi e riduce la CO2! Scopri di più>

corsi pagamento

seguici su facebook