Allarme polio in Israele: il virus nelle acque reflue

polio

È allerta in Israele dove il virus della Poliomielite è tornato a far paura. Il poliovirus di tipo 1 (WPV1) è stato isolato in 30 campioni di acque reflue provenienti da 10 siti di campionamento. I campioni sono stati raccolti dal 3 febbraio 2013 al 30 giugno 2013. I più temibili quelli rilevati nella parte meridionale di Israele, come segnalato dall’Oms. Tutti i virus sono stati rilevati solo nelle acque reflue e non sono stati riportati casi di polio paralitica.

L’Oms aveva dichiarato lo Stato di Israele libero dal virus della polio nel 2002, ma a quanto pare è stata solo una falsa illusione. Il nuovo rilevamento di virus in tutto il paese indica un aumento dell’estensione geografica della circolazione per un periodo prolungato di tempo e il rischio di ulteriore diffusione internazionale è passato di recente da moderato a elevato.

Le autorità sanitarie israeliane stanno continuando a svolgere un’indagine epidemiologica completa per la ricerca di potenziali casi di polio paralitica e di soggetti che non si sono sottoposti al vaccino, anche se la copertura vaccinale di routine è stimata attorno al 94 per cento o superiore negli ultimi 8 anni.

I sintomi. Spiega il Ministero della Salute che i sintomi clinici iniziali possono includere febbre, affaticamento, mal di testa, vomito, costipazione (o meno comunemente diarrea), indolenzimento del collo e dolore agli arti.

Aumenta anche la sorveglianza ambientale. Quest’ultima viene spessa attuata nei paesi di tutto il mondo, anche in Israele, per l’individuazione di malattie pericolose per la salute pubblica. Attività analoghe sono in corso di attuazione da parte delle autorità sanitarie a Gaza e in Cisgiordania, ma qui per fortuna il virus non è stato rilevato.

Il governo di Israele ha in programma attività di vaccinazione supplementari con il vaccino antipolio orale (OPV) per aumentare i livelli di immunità mucosale interrompendo rapidamente la circolazione del virus. L’Oms ha inoltre raccomandato a chi ha intenzione di recarsi in Israele e nelle zone colpite da polio di essere completamente vaccinati.

L’infezione è stata debellata in Italia il 21 giugno 2002, anche se l’ultimo caso si è manifestato nel nostro paese risale al 1982. Anche Israele si sentiva al sicuro, ma a quanto pare non era così. Ma sono tre i paesi ancora endemici per la trasmissione del virus: Nigeria, Pakistan e Afghanistan.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Pakistan: in due giorni uccisi 9 operatori sanitari. Stop dell’Unicef e dell’Oms alla campagna anti-polio

Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Coop

Mini-muffin al cioccolato serviti e cotti nella buccia di clementine

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Seguici su Instagram
seguici su Facebook