No, le Marche non stanno bloccando la cura al plasma. La sperimentazione partirà tra due giorni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La sperimentazione della terapia al plasma per i pazienti contagiati da coronavirus nelle Marche non subisce uno stop. In queste ore si erano succedute notizie su una presunta decisione del Comitato Etico Regionale e di un suo parere negativo alla sperimentazione che prevede la cura del Covid-19 con il plasma. La realtà è che il CERM aveva chiesto solo dei chiarimenti: la cura sperimentale col plasma degli immuni comincerà entro un paio di giorni.

Una possibile cura che comincerà presto anche qui, dunque, negli ospedali di Torrette, Marche Nord e Fermo, selezionati per iniziare la sperimentazione e dove sono già stati individuati circa 100 pazienti.

Il Comitato Etico Regionale, il cui parere è vincolante per l’avvio della sperimentazione, non respinge quindi, come si era detto, un protocollo che di fatto è stato già approvato in altre regioni dall’Azienda ospedaliero-universitaria di Pisa, che è la struttura capofila per la sperimentazione della terapia al plasma iperimmune in Toscana, in Campania, in Umbria e nel Lazio.

A confermarlo è il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, che in conferenza stampa di ieri ha smentito le affermazioni su uno stop da parte del Commissione Etica Regionale sulla sperimentazione:

Nessun veto della Regione Marche alla sperimentazione con il plasma sui malati contagiati dal coronavirus, perché la regione non ha questo potere  […]. Non c’è stata nessuna bocciatura, ma solo una richiesta di chiarimenti. Tra oggi e domani si chiuderà questa vicenda che ha suscitato un polverone. Le Marche hanno chiesto di aderire alla sperimentazione”.

Intanto, proprio in questi giorni l’Istituto Superiore di Sanità e l’Agenzia italiana del farmaco sono impegnati in uno studio nazionale comparativo e controllato per valutare l’efficacia e il ruolo del plasma ottenuto da pazienti guariti da Covid-19 con una sola metodica standardizzata. Allo studio aderiscono diversi centri, a cominciare da quelli che ne stanno già valutando a livello locale .

Questo progetto consentirà di ottenere evidenze scientifiche sul ruolo che può giocare l’infusione di anticorpi in grado di bloccare l’effetto del virus e che sono presenti nel plasma di soggetti guariti dall”infezione.

Fonte: Regione Marche

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook