Gli Pfas nuocciono gravemente alla salute di neonati e donne incinte. Lo studio condotto in Veneto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ecco come gli Pfas minacciano gravemente la salute di mamme e bambini. Lo studio condotto in Veneto

Aumento di pre-eclampsia, incremento di nati con basso peso alla nascita per età gestazionale, diabete gravidico, aumento di anomalie congenite al sistema nervoso e di difetti congeniti al cuore nelle aree a maggiore esposizione. I risultati ottenuti da una nuova revisione della Regione Veneto parlano chiaro: i Pfas incidono in maniera preoccupante sulla sfera della salute materno-infantile.

La prima prova era arrivata lo scorso novembre dallo studio condotto su 212 studenti veneti tra i 18 e i 20 anni dall’équipe di Andrologia e Medicina della riproduzione dell’Azienda ospedaliera di Padova, che già allora confermò che l’organismo scambierebbe i composti perfluorurati per ormoni, che interferiscono così con l’azione delle ghiandole endocrine e causano malattie a breve e a lungo termine.

Ora la Direzione Prevenzione dell’Area Sanità e Sociale della Regione Veneto rende noti i dati dell’aggiornamento dello studio nell’area rossa e quello che si riscontra è un incremento di pre-eclampsia e diabete gravididico, di neonati con basso peso alla nascita o anomalie congenite al sistema nervoso e difetti congeniti al cuore proprio nelle aree del Veneto più esposte a contaminazione da Pfas.

I risultati arrivano da uno screening effettuato su 20mila neo-mamme nate tra il 2002 e il 1970 residenti nell’area incriminata (analizzati 23 dei 30 Comuni contaminati da Pfas tra Vicenza, Verona e Padova): le donne analizzate sono state confrontate con altrettante provenienti dalla zona “azzurra”, cioè non contaminata, che comprende 50 comuni. In particolare, nell’area rossa il rischio di incappare nella pre-eclampsia risulta aumentato del 27% rispetto all’area azzurra. La possibilità di contrarre diabete gravidico è maggiore del 52%.

Per alcune di quelle patologie rinvenute – si legge sul comunicato della Regione – sarà necessario effettuare maggiori approfondimenti per consolidare i valori ottenuti, incrociando i dati con altri flussi informativi oppure allungando il periodo di osservazione. Infine, dato il disegno ecologico dello studio, per approfondire l’esistenza di un nesso causa-effetto tra determinate patologie materno-infantili e la residenza in aree esposte sarà necessario integrare i risultati ottenuti con i dati di biomonitoraggio che forniscono informazioni sull’esposizione dei singoli individui.

Intanto, è in vigore fino al 30 giugno l’ordinanza con cui la Regione Veneto ha emesso il divieto di consumare di prodotti ittici pescati nell’area rossa, in attesa che l’Efsa adotti i “nuovi pronunciamenti definitivi” annunciati per il 2019.

Leggi anche

Germana Carillo
Fonte foto

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook