I pesticidi aumentano il rischio di malattie cardiovascolari nelle donne

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’esposizione ai pesticidi può contribuire ad aumentare il rischio di malattie cardiovascolari e l’infiammazione nelle donne in premenopausa, secondo un nuovo studio. L’obesità dunque secondo gli esperti non sarebbe il solo fattore di rischio da considerare per le malattie cardiache.

Lo studio in questione è stato pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, rivista scientifica della Endocrine Society, con il titolo di “Inflammatory and Cardiometabolic Risk on Obesity: Role of Environmental Xenoestrogens”. Lo studio ha esaminato gli effetti dell’esposizione a pesticidi policlorurati come il DDT. Anche se il DDT è stato vietato in molti paesi nel 1970, rimane molto diffusa nell’ambiente e persino negli alimenti.

Il DDT è stato uno dei primi prodotti chimici riconosciuto come interferente endocrino. Fa parte delle sostanze che possono limitare e interferire la funzione degli estrogeni. La ricerca ha riscontrato che l’esposizione al DDT può portare a difetti alla nascita, riduzione della fertilità e aumento del rischio di diabete di tipo 2.

Secondo Diana Teixeira, esperta della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Porto, i residui chimici del DDT si accumulano nel tessuto adiposo delle donne. Quando la quantità di residui nel tessuto adiposo aumenta, può compromettere l’effetto protettivo degli estrogeni naturali del corpo sulla salute del cuore delle donne in premenopausa. Ciò porta le donne ad aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari e infiammazione.

Gli esperti hanno analizzato 121 campioni di tessuto adiposo appartenente a donne che si erano sottoposte a chirurgia bariatrica presso l’ospedale S. Joao di Porto. Tra le partecipanti, 73 donne erano in premenopausa e 48 erano in post-menopausa.

I ricercatori hanno scoperto che, tra le donne in pre-menopausa, le donne con più alta concentrazione di estrogeni ambientali nel loro tessuto adiposo viscerale, a livello della pancia, avevano più probabilità di avere più alti livelli medi di zuccheri nel sangue.

Tra le donne in pre-menopausa, quelle con livelli più elevati di estrogeni ambientali nel sangue tendevano ad avere più infiammazione e un maggior rischio di malattie cardiovascolari sulla scala Framingham.

“I nostri risultati mostrano che le sostanze chimiche alterano il sistema endocrino tendono ad aggravare le complicanze dell’obesità, tra cui l’infiammazione e il rischio di malattia cardiovascolare, nelle donne in premenopausa”ha spiegato Teixeira.

Dunque misurare i livelli di estrogeni ambientali può aiutare i medici a identificare le donne che sono a rischio di sviluppare malattie cardiovascolari e metaboliche in modo che possano prendere misure preventive.

Marta Albè

Leggi anche:

Gravidanza: l’esposizione ai pesticidi aumenta il rischio di bimbi con ritardo o autismo

Mangiare biologico riduce l’esposizione ai pesticidi. La conferma in un nuovo studio

6 modi per ridurre l’esposizione ai pesticidi

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook