Glifosato in garze sterili e tamponi: allarme in Argentina. Colpa del cotone OGM?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli scienziati argentini hanno rilevato tracce di glifosato in 8 prodotti in cotone su 10 analizzati in uno studio preliminare che l’Università Nazionale di La Plata ha presentato di recente a Buenos Aires.

In particolare, per quanto riguarda le garze sterili, le tracce di glifosato sono risultate presenti in tutti i prodotti presi in considerazione, con un dato del 100%. Complessivamente i residui di questa sostanza sono stati individuati nell’85% dei prodotti in cotone per l’igiene analizzati.

Il glifosato è l’ingrediente base dell’erbicida RoundUp di Monsanto e di recente è stato classificato dall’OMS come sostanza potenzialmente cancerogena. La percentuale dei residui è risultata inferiore all’80% per quanto riguarda le salviettine intime e i tamponi.

Fino a questo momento sono stati analizzati soltanto una ventina di campioni per quanto riguarda lo studio preliminare, ma si prevede di raggiungere almeno il centinaio. L’Argentina ha approvato la coltivazione e l’utilizzo del cotone Ogm all’inizio degli anni Novanta. Si tratta di cotone transgenico resistente al glifosato la cui produzione ormai è molto diffusa.

Nonostante il giudizio negativo espresso dall’OMS sul glifosato, il Servizio sanitario nazionale e della qualità alimentare argentino (Senasa) continua a considerare questa sostanza come poco pericolosa.

In Argentina ogni anno vengono utilizzati migliaia di litri di glifosato, soprattutto nella produzione di soia Ogm. Il glifosato è un erbicida che elimina le piante infestanti e a cui le colture transgeniche di soia e cotone sono resistenti. Di fronte a questi dati allarmanti, l’Argentina vuole prendere provvedimenti e si spera al più presto in un cambiamento.

Marta Albè

Fonte foto: Prensalibre

Leggi anche:

OMS: 5 pesticidi classificati come cancerogeni per l’uomo

OMS: l’Olanda dice no a Monsanto e mette al bando l’erbicida Roundup

Cotone biologico: tutti i benefici ambientali in uno studio

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook