©Zigres/Shutterstock

La pandemia ha cambiato le percezioni dei volti con le mascherine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La pandemia di Covid-19 ha migliorato la percezione dell’attrattiva facciale delle persone che indossano le mascherine. Lo rivela un nuovo studio condotto dall’Università di Hokkaido.

Nell’ultimo anno abbiamo cambiato le nostre abitudini, abbiamo iniziato a usare i dispositivi di protezione individuale. Le mascherine sono diventate uno degli oggetti più usati e purtroppo anche gettati. In Giappone l’uso delle mascherine ha preceduto la pandemia ma è chiaro che tra il 2020 e il 2021 si è intensificato. Questo ha influenzato  le percezioni dell’attrattiva facciale. Ci siamo abituati a vedere gli occhi ma non il naso e la bocca, eliminando una parte delle espressioni del viso.

Un team di quattro scienziati, tra cui il professor Jun I. Kawahara della Facoltà di Lettere dell’Università di Hokkaido, ha cercato di studiarne gli effetti e ha scoperto che c’è stato un cambiamento nel modo in cui l’uso delle mascherine  influisce sulla percezione dell’attrattiva facciale tra la popolazione giapponese. I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista i-Perception.

L’attrattiva del viso è influenzata da molte caratteristiche esaminate fin dal 2016 tra cui la simmetria facciale, i contorni del viso, la morbidezza o la rugosità della pelle. L'”effetto mascherina ” senza dubbio influisce sulle percezioni dell’attrattiva facciale sulla base di due effetti:

  • la mascherina copre la metà inferiore del viso e nasconde le caratteristiche utilizzate per giudicare l’attrattiva facciale (occlusione); 
  • l’atto stesso di indossare una mascherina facciale è associato a malattia o suscettibilità alle infezioni.

Secondo gli scienziati in entrambi i casi le mascherine fanno apparire meno attraenti i volti. 

percezione volti

@Miki Kamatani, et al. i-Perception

Il nuovo studio, condotto su 286 adulti, ha rivelato che la percentuale maggiore di intervistati ritiene che indossare una mascherina abbia avuto un effetto neutro sugli osservatori. Prima della pandemia, era vero il contrario. Un sondaggio condotto su 59 individui ha mostrato inoltre che la percezione dei volti con la mascherina è cambiata dopo l’inizio della pandemia. In particolare, il secondo effetto si è ridotto e le percezioni dell’attrattiva dipendevano principalmente dall’occlusione.

percezione volti

@Miki Kamatani, et al. i-Perception

In altre parole, è stata eliminata la percezione di cattiva salute associata all’uso della mascherina, riducendo l’impatto negativo sulle valutazioni di attrattiva.

Fonti di riferimento: Università di Hokkaido, i-Perception

LEGGI anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook