Ospedali: i pulsanti degli ascensori ospitano più batteri che i wc

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fin da quando siamo piccoli risuonano nelle nostre orecchie raccomandazioni del tipo: non appoggiarti nei bagni pubblici sono pieni di batteri e puoi prenderti delle malattie! Ovviamente questo è vero ma spesso sottovalutiamo che tanti altri oggetti e luoghi intorno a noi pullulano ugualmente di vita microscopica. Tra questi sembrano esserci anche i pulsanti degli ascensori, in particolare quelli degli ospedali!

Un nuovo studio, condotto da un team di ricercatori dell’università di Toronto e pubblicato sulla rivista Open Medicine, ha voluto analizzare 120 pulsanti degli ascensori negli ospedali confrontandoli con 96 superfici di bagni (soprattutto maniglie) scoprendo con sorpresa che si trovavano più batteri (il 61%) sugli ascensori piuttosto che nei bagni.

Gli esperti hanno sottolineato che si trattava di organismi non patogeni ovvero non potenzialmente pericolosi per l’organismo umano. Questo però non toglie il fatto che esista comunque un rischio contaminazione per tutte le persone che li utilizzano frequentemente all’interno degli ospedali. Inoltre, come sottolinea il dottor Donald Redelmeier a capo della ricerca, gli ascensori: “Sono molto attivi in ogni momento della giornata e sono toccati da più persone e quasi sempre con le mani senza guanti. Non possono essere puliti ogni secondo della giornata e una volta che sono puliti, non rimangono tali molto a lungo”.

Come difendersi? Lavarsi sempre bene le mani subito dopo aver usato l’ascensore è certamente il consiglio più utile da dare. Importante però, come sottolinea il dottor Redelmeier, assicurarsi di lavare bene anche la punta delle dita, in particolare il dito indice della mano che utilizzate di più. “Spesso quando le persone usano un detergente, sono molto bravi a lavarsi le mani, ma non le dita. Eppure la maggior parte delle trasmissioni batteriche non avviene nel palmo o dorso centrale, ma si verifica alla periferia della mano“.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– Cellulari pieni di batteri come le tavolette dei Wc

– Aerei, un ricettacolo di batteri: resistono per una settimana. I punti più a rischio

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook